Cerca nel blog

domenica 31 agosto 2014

Lethal Dosage - Consume

FOR FANS OF: Metalcore/Groove, Caliban, Pantera
The debut offering from Arizona’s Groove-influenced Metalcore band carries on a fine tradition of really bringing the intensity and violence that comes from the modern metal scene. Loaded with tight Groove Metal riffs that really bounce along with pit-ready rhythms and tight patterns filled with the kind of energy that’s made for bashing into your neighbor in the middle of a furious slam-dance battle, this really settles off the influences of these bands quite readily and easily with this really making for a rather intense affair. Pounding along with a tight drumming display that really gets the groove mastered while displaying a rather dexterous affair of double-bass blasts that really adds a lot of intensity to the music, it really furthers the aggressive vibe of the material here. Armed with a steady stream of Metalcore that brings in some minor technicality to the fray without really settling into any kind of showcase wankery at all and tending to use it more to display tight rhythm shifts or pattern variations more than anything else, there’s enough variety here to off-set the angry vibe this carries. Still, the structure of the album does this some harm with it being set so all the best tracks are in the first half with the second half being filled with overlong epics drenched in atmospherics and sprawling tempos against the tighter, more vicious offerings on the first half that really settles in quite well from the onset by being that tight, intense band here. ‘Drink’ sets things off immediately with its blasting drumming, steady grooves and vicious Metalcore rhythms that keep the material charging forth throughout, giving this a rather impressive offering. ‘Black Eye’ follows suit with more breakdowns present but continuous laying down aggressive grooves and more mid-tempo leanings, while ‘Katheter’ displays more of the riffing and variations that made ‘Drink’ so enjoyable. ‘Poor-Man’ continues with the more aggressive and intense approach with some tight grooves and a dynamic second half loaded with more Metalcore rhythms, making this another strong highlight offering. The instrumental ‘Melody’ delivers exactly what is promised, a melodic turn at this style still loaded with grooves and a rather up-tempo vibe that’s quite appealing for a mid-album breather track. The album’s best track, ‘Gods Shall Perish’ weaves the most infectious groove riff on the album into a fiery, up-tempo number with dynamic drumming, tight patterns and boundless energy, really scoring well with this one overall. The overlong ‘Matter of Honor’ is a huge misstep track as there’s very few ways to make an epic-paced song like this without being dragging and boring, which this unfortunately is. ‘Time to Think’ gets things back on track somewhat with more energy and a better sense of pacing with more furious riff-work, but just seems a little underwhelming compared to the tighter, more vicious offerings elsewhere on here. The title track is even better at trying to meld the tight grooves into a longer epic with a little more energy and enthusiasm about it and does a nice job overall. Ending on a sour note is the industrial-tinged bloated epic ‘Sleep’ that carries on for almost ten minutes with sprawling grooves, atmospheric noises and various tempo changes that gives a band a lot of room to work those styles into their music but overall just seems to end this on a whimper. Really, the first half to this really saves it from a lackluster and overlong second half. (Don Anelli)

(Battleground Records - 2014)
Score: 70

https://www.facebook.com/LethalDosageTucson

mercoledì 27 agosto 2014

Patrons of the Rotting Gate - The Path Less Travelled

#PER CHI AMA: Black/Death, Anaal Nathrakh
Il Pozzo dei Dannati prosegue la sua opera di scandaglio negli abissi profondi dell'underground e oggi fa tappa a Belfast, Irlanda del Nord, per conoscere i Patrons of the Rotting Gate, duo formatosi lo scorso anno e costituito da Adam "Arc" Irwin (chitarrista) e Andrew "Manshrew" Millar (tutto il resto), ex membri dei Kiriath. Il duo nord irlandese, abbandonate quasi del tutto le velleità techno death della precedente creatura, si lancia in un sound all'insegna del black metal, quello sinistro e più difficile da definire, perché sporcato da suoni caotici che talvolta sfociano in dimorfismi musicali terrificanti. La consueta intro apre le danze creando sin da subito una palpitante atmosfera orrorifica che sfocerà nella furia distruttiva "Tři Závěti" che mi investe come fosse una violenta tempesta polare. Il black delle linee di chitarra stile sega circolare, si fonde con partiture tipicamente death progressive, in cui ritmiche infuocate si alternano a tempi medi. La parola d'ordine rimane comunque quella di infrangere ogni limite di velocità e per questo ne sono certo, i nostri si beccheranno una bella multa per l'autovelox che li ha visti sfrecciare ben oltre i limiti concessi, quasi a ridosso del grind melodico degli Anaal Nathrakh. Con "Carnassial", l'atmosfera si fa funerea: un po' Aevangelist, ma anche Dodecahedron, la musica del duo infernale si rivela assai scorbutica nella sua paranoica dissonanza. Un growling profondo ci accompagna nella prima metà del brano prima che si infiammi in una cavalcata isterica sostenuta da velocità insostenibili e urla strazianti. "Secrets in the Soil" è il classico pezzo interlocutorio, quello che ci concede l'attimo di respiro prima di affrontare una nuova parete irta di pericoli. "Pride in Descent" è un'altra psicotica traccia all'insegna di un black malato e suonato a velocità ipersoniche che mostra comunque una band a proprio agio in qualsiasi tipo di situazione, da quella più estrema a quelle più ragionate e atmosferiche. La band di Belfast trova il tempo di concedersi il lusso di rallentare il passo e lo fa con "Chest of Light", pezzo black doom dalle tinte fosche e rarefatte. Non cullatevi sugli allori, perché con "Clandestine Fractures" si torna a viaggiare su ritmi sostenuti, in cui tempi sono dettati da una batteria sempre puntuale e che riesce anche ad essere fantasiosa. Con "A Perfect Suicide", i PotRG scrutano ancora gli anfratti più oscuri della loro bellicosa mente, giocando tra situazioni horror doom e altri tempestosi pattern carichi di groove. 'The Rose Coil' non rimarrà certo agli annali per essere un album geniale, tuttavia credo che gli amanti dell'estremo si possano avvicinare senza timore per scoprire quali menti poliedriche si celino dietro al monicker di Patrons of the Rotting Gate. (Francesco Scarci)

(The Path Less Traveled Records - 2013)
Voto: 70

martedì 26 agosto 2014

Doom:Vs - Earthless

#PER CHI AMA: Death Doom, Saturnus
Sono passati parecchi anni da quando recensii 'Aeternum Vale', album di debutto di Johan Ericson e dei suoi Doom:Vs, side project dei doomsters svedesi Draconian. Era il 2006, e il polistrumentista scandinavo si proponeva di esplorare il lato più buio e straziato del proprio animo. Otto anni più tardi, eccoci qui a godere del terzo lavoro del poliedrico musicista, dal semplice ed esplicativo titolo 'Earthless', la perfetta colonna sonora atta a dipingere la natura mortale della condizione umana. Il mastermind nordico questa volta non percorre il suo cammino in solitario, ma è coadiuvato alle vocals da Thomas A.G., vocalist dei Saturnus. Mettete pertanto insieme il talento di due mostri sacri della scena doom malinconica e, fatto banalmente 2+2, otterrete un album di classe che certo non sprizzerà gioia dai suoi solchi, un lavoro all'insegna della disperazione più totale, narrato in sei lunghi pezzi, in cui il death doom di Johan tende in alcuni momenti a travalicare il confine del funeral. Il growling profondo e peculiare di Thomas, unito alle splendide melodie di Johan non possono che garantire un risultato complessivo impeccabile, che vede le sue punte di diamante nella deprimente "A Quietly Forming Collapse", song dalle ritmiche tanto flemmatiche quanto opprimenti, che vive di deliziosi squarci di onnipresente atrabile umor nero, affidato alla sei corde di Mr. Ericson. Inevitabili gli echi che si rifanno ai primissimi My Dying Bride (un must per i fan del genere) nelle linee di chitarra di "The Dead Swan of the Woods", cosi come il raro dualismo vocale tra la catacombale timbrica del bravo vocalist danese e i rari passaggi sussurrati del chitarrista svedese. Ma il mio pezzo preferito alla fine sarà "Oceans of Despair", song dalle movenze delicate, con una certa alternanza a livello vocale, tra growl, clean, sussurrato e urlato, ma sempre contraddistinta da commoventi linee di chitarra. Quella dei Doom:Vs continua ad essere musica emozionale, che vive di pause, scariche elettriche, attimi struggenti e crepuscolari, frangenti che si annidano toccanti il nostro io interiore, luci soffuse, tenebre, chiari e scuri, un moto che entra dentro e non ci lascia più. Ben tornati. (Francesco Scarci)

(Solitude Productions - 2014)
Voto: 80

Dread Sovereign - All Hell's Martyrs

#PER CHI AMA: Doom, primi Cathedral, Candlemass
Continua la mia ricerca estiva di nuove new sensation da poter segnalare ai lettori del Pozzo dei Dannati. Oggi mi soffermo su una band che in pochi minuti è riuscita a catturare la mia attenzione e spingermi alla recensione. Sto parlando dei Dread Sovereign (side project dei Primordial) e alle 10 tracce contenute in 'All Hell's Martyrs'. Dopo un intro in cui mi è sembrato di udire i Pink Floyd (ma forse me lo sono solo sognato), ecco che faccio conoscenza dei nostri con “Thirteen Clergy”, song heavy doom che mostra, come a quasi vent'anni di distanza da 'Tales of Creation' dei Candlemass, sia ancora possibile proporre una forma abbastanza originale del genere. Detto dell'incedere doom dei nostri, mi soffermerei sulla performance del vocalist, Alan Nemtheanga leader dei Primordial, a proprio agio sia su tonalità alte che su quelle medie; notevoli le linee di chitarra a cura di Bones dei Wizards of Firetop Mountain, abile nel costruire atmosfere horror, ma notevole anche in fase di solo. La prova dei Dread Sovereign è già molto convincente e con la successiva “Chtulu Opiate Haze”, prospetta di essere ancora meglio. Le ambientazioni spennellate puzzano di zolfo, con la musica dei nostri che si assesta su tempi medio bassi e che acquisisce una certa epicità grazie a una componente vocale più cattiva che emula quella della band madre, esaltandone il risultato conclusivo. L'incedere è lento, il sound funereo, le chitarre fanno egregiamente il loro lavoro e il disco non può passare inosservato, anzi non deve. Vibranti, emozionanti, magnetici ed epici, ecco poche parole che in breve potrebbero descrivere la musica dei Dread Sovreign. “Pray to the Devil in Man” è un pezzo dal flavour epico che ancora a livello ritmico prende come riferimento i gods irlandesi, con le vocals che si muovono verso lidi d'avanguardia a la Arcturus, alternato a un growl più torbido. Si prosegue con la liturgica “Scourging Iron” e l'ensemble convince sempre di più, con un suono assestato su un mid-tempo, in cui inevitabilmente il ruolo di protagonista è assunto dall'ottimo vocalist irlandese e dalle favolose linee di chitarra che sciorinano riffs da favola (pensate a 'The Ethereal Mirrors' dei Cathedral) e mi inducono a pensare: questo è rock! Non aggiungo altro, inutile soffermarsi anche sulla malinconica e lunghissima “We Wield the Spear of Longinus” o sulla conclusiva title track, altre due gemme di notevole spessore di questo sorprendente lavoro. Da avere! (Francesco Scarci)

(Vàn Records - 2014)
Voto: 80

lunedì 25 agosto 2014

Toolbox Terror – Bind Torture Kill

#PER CHI AMA: Death Metal, Carcass, Six Feet Under
Nella descrizione inviataci assieme al cd, uscito per ASDR Recordings, il gruppo si dice ispirato a band come Cannibal Corpse, Carcass, Aborted e The Black Dahlia Murder, ma niente corrisponde a verità più sacra, salvo che i Toolbox Terror applicano agli stilemi del genere un suono molto caldo, non chirurgico tanto meno gelido, bensì più avvolgente e vagamente vintage anni '90 primi anni 2000 nello stile di Soulfly, The Haunted o Six Feet Under. La band ligure riesce a fondere gli stili vari dei loro beniamini con ottima intensità e tecnica, rilasciando anche quel sapore ribelle nelle composizioni che non guasta mai ed il sound non è necessariamente rivolto sempre e solo al macabro ma spesso sguinzaglia uno spirito iper metallico di tutto rispetto che dal vivo deve essere una vera goduria. Il tiro è esaltante e innalza la band genovese agli altari più sacri del death metal, nonostante certe soluzioni sonore rischino di essere un po' datate, ma un cantante dalle doti notevoli e un chitarrista dal curriculum vitae come quello di Roberto Lucanato (ex Hastur, ex Malombra, Ballo delle Castagne, Egida Aurea, Il Segno del Comando) rendono l'opera super papabile a tutti gli estimatori del genere con esposizioni chitarristiche funamboliche e una batteria mozzafiato. Artwork degenerato nel segno degli ultimi Carcass in puro stile serial killer tra uncini da macellaio, bisturi, seghe circolari e sguardo femminile letteralmente divelto, segno inconfondibile dell'amore che la band osanna verso i film horror degli anni '70 e '80. L'album è godibilissimo senza cadute e mostra una band (nata nel 2007 e con un solo demo alle spalle) molto in forma e agguerrita. Come già detto, in questo loro primo lavoro non abbiamo scoperto nuovi orizzonti sonori che possano far evolvere in qualche maniera il genere ma la qualità di questo album basta e avanza per saziare i nostri palati. Album variegato e potente, death metal di maniera e stile, ottima la produzione e l'esecuzione, semplicemente il miglior incubo uscito da questa magnifica scatola del terrore.. Ottimo disco! (Bob Stoner)

(ASDR Recordings - 2013)
Voto: 75

domenica 24 agosto 2014

Death Penalty - Electric God

#FOR FANS OF: Thrash, Hallows Eve
In what is a refreshing breath of fresh air, Virginia thrashers Death Penalty decidedly forgo aping the Bay Area scene which has become so common throughout the scene and offers a slightly different take on modern Thrash Metal. Taking a more chug-based approach to the genre, the tempos and paces here are far removed from the blistering tones of the old-school classics and instead tend to revel in more thumping mid-range places that contain a lower energy than what’s become common throughout the scene. This does strike the band with a sense of identity here as they’re clearly not trying to follow everyone else and are boldly going their own path but oftentimes the lethargic pace afforded here is detrimental to the pace and energy required in the genre. There’s no biting, slicing riff-work to be found as the chugging patterns are quite a bit different and really bring a whole different dimension to the prototypical genre fare here instead of the razor-wire pace afforded to most of the genre’s output. Of course, that’s not so bad at all if not for the one nagging effort that runs rampant through this one and really holds quite a few problems with this as the low-key production is so apparent that it really can’t let the material get the most out of it. The guitars are bricked into a thick, heavy fuzz that even if they were given any kind of traditional patterns would be lost in a haze of fuzz that renders the majority of the riffs indecipherable except for the energy bleeding through. However, it’s really the drumming that really suffers here with hardly any punch and really sounds quite off on a full-length release, almost sounding like something that should’ve been on a demo or rehearsal such is the lousy quality of the production here. The tuning is off and simply set into a familiar series of simple pounding rhythms that get repeated throughout here in a loud, clanking tone that really sets them into a rather lame position throughout even if there’s a good production job here. Beyond that, the idea of having two tracks back-to-back in the running order set-up by instrumental interludes so that four tracks are wasted with the set-up and then eventual lead track seems quite likely a good idea just wrongly executed so that it just comes off as wasted space that could’ve been utilized better by more experienced bands. Despite that, the songs aren’t so bad. Intro ‘War’ gives us what we can expect here, mid-tempo patterns and lurching riff-work that remains quite enjoyable but never kicks into the higher gear as instead, this one shifts into slower tempos and paces despite still being quite listenable overall. This is certainly repeated in ‘Death Forever,’ which gives us the same template of the energetic riff-work up in the first half then slows down on the second half only this ranks a little better due to the improved riffing and stellar leads throughout. Set up nicely by the instrumental ‘Prelude,’ the title track is the best track here with the extended length offering more explosive riffing, more involved arrangements that remain quite interesting throughout and utilizes its epic riffs to good effect. The idea of having back-to-back set-up instrumental interludes might not have been wise even if it allows ‘The Curse’ to lead into ‘Bloodlines,’ another top track with more traditional thrash paces, pounding drums and a greater sense of energy in the performances, with the effect of it being a great idea that band exploits maliciously rather than out of natural practice. The rather bland ‘Infernal Sky’ tries to mix it up with some lighter atmospheric touches which are just wholly out-of-place in a thrash album and really sticks out like a sore thumb due to that. Frankly, most is forgiven here on the explosive finale ‘Nuklear Kiss,’ which really sets back into furious tempos with more frantic leads, pounding drumming and an ultra-fast tempo that really shows the band can work there in the future and ending this on a high note. Overall, it’s really none of the band’s fault this is so mediocre but rather that flat, demo-quality production that really hinders this one. (Don Anelli)

(Self - 2014)
Score: 60

Abstract Spirit / Ennui - Escapism

#PER CHI AMA: Funeral Death Doom
Ennui e Abstract Spirit sono due nomi che conosciamo molto bene qui nel Pozzo dei Dannati e le loro sonorità funeree ben si allineano con la filosofia del nostro sito. La MFL Records ha pensato bene di offrirceli in uno split album, 'Escapism', che propone per ogni band due pezzi dalle durate complessive notevoli. Ad aprire ci pensa "An Ode to the God's Fool" dei russi Abstract Spirit, che si confermano immondi portatori di morte con un sound sempre a cavallo tra il funeral e il doom più lugubre. Quello che mi piace della band è l'utilizzo di eterei e fascinosi momenti di quiete che riescono a spezzare un avanzare che risulterebbe invece asfissiante e ostico da digerire. Rispetto al passato c'è da sottolineare una maggior apertura alle melodie, merito di un più ampio spazio concesso a splendidi tocchi di pianoforte, questo forse a discapito dell'imprevedibilità che contraddistingueva i trascorsi dell'act moscovita. La componente orrorifica che mi aveva indotto a taggare il precedente 'Theomorphic Defectiveness' come horror funeral doom, è sempre presente, ma attenuata da una maggior cura a livello delle orchestrazioni che rendono la musica del trio, decisamente più accessibile. Non manca neppure la soave performance vocale della brava Stellarghost ad affiancare il sempre intransigente A.K. iEzor, con il suo ormai caratteristico growling profondo. "Schizotherica", la seconda traccia, mette in evidenza il lato più buio e criptico del trio di Mosca, esibendone però anche il loro aspetto più spirituale: l'andamento è lento, le tastiere tarpano quello che invece sarebbe il suono catacombale degli Abstract Spirit, creato da un riffing pesante e distorto. Paurosi. Con i georgiani Ennui, che abbiamo avuto modo di conoscere qualche mese fa in occasione del loro secondo Lp, 'The Last Way', rimaniamo in anfratti oscuri e deprimenti, che tributano maggiormente al death doom piuttosto che al funeral. "Where the Common Sense is Ruined" è una song di 14 minuti dotata di una ritmica possente su cui si staglia la voce grossa di David Unsaved. Echi di My Dying Bride emergono nelle pieghe infinite di questa traccia, che mostra una certa predilizione per la componente solistica che arricchisce notevolmente la proposta del combo di Tbilisi e assume l'arduo compito di infrangere la cupezza indotta dal sound a tratti tenebroso, costruito dai nostri. "The Day of Abandonment" chiude un album tetro e mortifero, e direi che lo fa con assoluta eleganza, quella che contraddistingue gli Ennui e la loro proposta all'insegna dello spleen decadente e straziante. La traccia, dai risvolti foschi e assai sinistri, si fa apprezzare per gli ottimi arrangiamenti che rendono il sound magniloquente e a tratti estasiante. 'Escapism' alla fine si rivela un ottimo lavoro di funeral death doom, che sicuramente ingolosirà tutti i fan, e che dovrebbe indurre altri ad avvicinarsi ad un genere che è ancora in grado di regalare vere e profonde emozioni. (Francesco Scarci)

sabato 23 agosto 2014

Panychida - Grief for an Idol

#PER CHI AMA: Black Pagan, Borknagar, Eluveitie, Primordial
Da uno scambio di battute con il patron della Paragon Records, mi sono ritrovato in mano quasi casualmente il terzo full lenght dei cechi Panychida, uscito nel dicembre 2013. La parola "panychida" in ceco e nella chiesa greco-ortodossa, rappresenta l'osservanza liturgica in onore del defunto. Il suono che esce da questo 'Grief For The Idol' è un concentrato di sonorità black metal pagane che partendo da abrasive ritmiche martellanti (come quelle offerte dalla furiosa opening track o da "The Great Dance of Dyonisos"), vengono impreziosite da epici vocalizzi a la Bathory ('Hammerheart') e da musica di estrazione etnico-bucolica. "Two Untouched Moments" è un pezzo evocativo, che mette in luce la classe ma anche la capacità del quartetto di Plzeň, di abbinare veloci sfuriate black con favolose melodie arcaiche che potrebbero richiamare alla vostra mente acts quali Graveland, Negura Bunget, gli stessi Bathory, e ancora Borknagar, Einherjer, Primordial, Eluveitie e Falkenbach, per un risultato finale davvero esaltante. "Wayfarer's Awakening" è un brano dalle partiture tipicamente folk, suonato anche con cornamusa e flauto. Il pianto di un bambino apre "Don't Tell Lies to Children", traccia che evidenza come l'heavy classico scorra nelle vene di questi ragazzi: ritmiche tirate e precise, suoni gonfi e ottimi assoli. "Doomsayer" una breve traccia pseudo strumentale, corredata solo da qualche chorus pomposo e da una fenomenale linea di chitarra che ci introduce a "O Velji Vezě", altro piccolo gioiellino dell'act ceco, bravo a ricamare orpelli chitarristici là dove e richiesto e allo stesso tempo battere con violenza. Ottima la prova del lead vocalist Vlčák (anche tutti gli altri membri della band cantano su vari pezzi), bravo nel districarsi tra voci growl, scream, clean ed epic. In "Minnestund" compare addirittura V’gandr degli Helheim a prestare la sua voce in un altro brano folk, con liriche in norvegese. Insomma 'Grief For The Idol' è una bella sorpresa da una band comunque dotata di un pedigree di tutto rispetto. (Francesco Scarci)

(Paragon Records - 2013)
Voto: 80

http://www.panychida.com/

Nemesis Sopor - Glas

#PER CHI AMA: Black atmosferico, Todtgelichter, Fen
La band sassone, al secondo full lenght autoprodotto nel 2014 dal titolo 'Glas', si presenta con una grafica di copertina con sfumature di grigio e un'immagine malinconica di una radura desolata a rappresentare l'atmospheric black metal racchiuso tra le tracce di questo interessante cd, il secondo per l'ensemble di Dresda. Quasi tutti pezzi sono di lunga durata e sfoderano arte e classe compositiva, un black dai risvolti spesso ai confini del romanticismo violento, aggravato nella sua durezza da un cantato in lingua teutonica che non guasta proprio e che rende ancora più potente l'esecuzione. Ci sono varie correnti all'interno di questo lavoro, l'espressività dura dei Mayhem e il lato evocativo dei Wolves in the Throne Room, l'ira criptica dei Todtgelichter e degli Tsjuder, e per concludere l'incedere progressivo dei Fen. Il confine quasi folk di "Leere Träume" è spiazzante e forma con le successive "Glas" e "Splitter" un trittico mozzafiato dall'atmosfera surreale, solenne, nera e profonda che sfiora i meandri del funeral, le cavalcate epiche e le sfuriate dei primi vagiti di scuola Ulver. Un album impegnativo da assimilare lentamente, un lavoro che mostra i mille volti della band che pur non risultando freschissimi in termini di originalità, suonano comunque benissimo, offrendoci alla fine otto brani di eccelsa fattura, lunga durata e piacevole ascolto, carichi di intensità e rabbia, con uno screaming al vetriolo, il tutto adagiato su vellutate melodie oscure disperse nella nebbia (ascoltate la conclusiva "Ein Zu Stein I: Wind"). Un lavoro intrigante che si muove tra il passato e il futuro, classicismo e ultime evoluzioni di un genere che è ancora in grado di sfornare piccoli oscuri gioielli come questo 'Glas'. Una band da tener d'occhio! Un lavoro notevole! (Bob Stoner)

Voice of Ruin - Morning Wood

#PER CHI AMA: Death Metal Melodico/Metalcore
Provenienti dalla Confederazione Elvetica francofona, il quintetto dei Voice of Ruin dà alle stampe questo cd composto da 12 tracce, di cui un paio completamente strumentali. Al primo impatto, la musica qui proposta non ha fatto fatica a rimandarmi, specialmente in alcuni passaggi, al death melodico di scuola scandinava di fine anni '90 e inizio 2000. Amorphis ed In Flames i principali riferimenti, anche se il tutto è pervaso da quell'aurea di modernità che contraddistingue produzioni di questo tipo. Passaggi veloci e riffoni mid-tempo si alternano per gran parte dei 46 minuti di 'Morning Wood', così come le vocals che, a tratti pulite e in altri casi più aggressive, non danno tregua. I testi, di sicuro, non trattano temi filosofici e sembrano non prendersi troppo sul serio (“Party Hard”, “Cock n Bulls”, “Sex for free” e “Big Dick” parlano chiaro), anche se artwork e produzione sono sicuramente da gruppo ben più affermato. Inutile nascondere il vero valore della musica contenuta in questo cd, non siamo di fronte ad un capolavoro e non farò nulla per nascondervelo. Un po' troppo sconclusionati per i miei gusti, il gruppo suona sicuramente bene ed è bello compatto, ma manca la cosa più importante, la composizione. Mancano infatti le canzoni, quelle che ti fanno innamorare di un cd o semplicemente quei due o tre brani in grado di risollevare le sorti di un lavoro altrimenti non troppo brillante. Belli i suoni, notevoli le prestazioni dei musicisti, ma poca sostanza; ed è la sostanza a fare la differenza, quasi sempre fortunatamente. Il gusto amaro dell'occasione persa rimane anche dopo aver ascoltato 'Morning Wood' più volte a distanza nel tempo, anche se ascolti meno attenti fanno guadagnare a questo lavoro qualche punto perchè comunque dagli speaker, la musica esce bella tosta e sicuramente di impatto. E se è questo che cercate, allora avrete trovato un bel prodotto di death metal melodico. Se cercate invece belle canzoni, bisogna guardare altrove. Il richiamo al tasto skip del mio lettore è stato talvolta forte, ma sono sempre riuscito a resistere per cercare di dare una chance al quintetto svizzero. Senza alcuna difficoltà, vi posso indicare come tracce degne di nota la titletrack, la già citata “Cock n Bulls” e la stumentale e assai piacevole “Today Will End”. Se volete dargli una possibilità, fate pure, cosi come l'ho voluta dare io. Risultato? Aspetterò la prossima release per vedere se la fiducia sarà stata, almeno in parte, ripagata. (Claudio Catena)

Thera Roya / Hercyn - All This Suffering Is Not Enough

#PER CHI AMA: Post Black/Sludge, Agalloch
Non più di due mesi fa vi parlai dell'EP di debutto dei ragazzoni del New Jersey, Hercyn. Oggi tornano con uno split album in compagnia dei Thera Roya, compagine di Brooklyn, NY, che si è fatta notare lo scorso anno con un EP omonimo all'insegna dello sludge/post metal. Ed ecco che le due band si mettono insieme e rilasciano 'All This Suffering Is Not Enough', dischetto costituito da due lunghi pezzi che testimoniano l'ottimo stato di salute dei due act statunitensi. Partono sobriamente i Thera Roya, con gli otto minuti di "Gluttony": arpeggio educato, atmosfera soffusa shoegaze, vocals pulite ma sofferenti. Poi finalmente qualche chitarrone fa decollare il pezzo, accompagnato ovviamente da vocals più sgraziate, ma quello che prevale e rimane nell'orecchio è quella ritmica quasi post punk, ammantata da suoni indecifrabili in lontananza che conferiscono quasi un'aura mistica al pezzo del terzetto della Grande Mela, per un risultato finale direi apprezzabile. Solo sul finire del brano, il suono acquisisce anche un vago sapore tra il doom e lo stoner, segno comunque di una certa ecletticità dei nostri. E' il turno degli Hercyn, che tanto avevo adorato con 'Magda' e quel suo feeling "Agallocchiano". "Dusk and Dawn" prosegue su quella strada e i suoi 14 minuti mi convincono appieno, sebbene il sound risulti un po' impastato e ne penalizzi il risultato finale. In questa lunga traccia, si fa più forte l'influenza cascadiana nelle parti tirate, con tanto di blast beat funambolici che per un momento mi fanno pensare ad un indurimento del sound. Dopo cinque minuti di martellamenti vari, le nubi vengono spazzate, l'atmosfera si fa più cupa e la musica accresce in malinconia e inizia il giro nel mutevole mondo degli Hercyn. Il ritmo torna a farsi infernale, ma è solo una breve parentesi perchè una bellissima chitarra prende il sopravvento e pennella una splendida e drammatica melodia. Ma non è finita, come su un roller coaster, i nostri ci riportano giù con ritmi forsennati per poi piano piano risalire il binario con modi più tranquillizzanti. Insomma, uno split piacevole che permette, a chi non li conoscesse, di avvicinarsi a due interessanti realtà del panorama USA. E ora attendo i loro full lenght! (Francesco Scarci)

venerdì 22 agosto 2014

Labyrinthine - Ancient Obscurity

#PER CHI AMA: Black Doom, Blut Aus Nord
Il black metal statunitense sta vivendo una seconda giovinezza. Nuove leve spuntano ogni giorno nello sterminato territorio oltreoceano, offrendo sonorità, che pur prendendo spesso spunto dalla tradizione europea, vengono poi rivisitate con una più che discreta dose di originalità. Oggi tocca ai Labyrinthine di Philadelphia, da non confondere con la prog band omonima, ma ormai disciolta, dell'Oregon. L'ensemble della Pennsylvania è in realtà la più classica delle one mand band black, dove J.L. si occupa di tutta la strumentazione e delle arcigne vocals. 'Ancient Obscurity' è un album dalle forti tinte depressive, che segue, a distanza di quattro anni, il debut 'Evoking the Multiverse'. Alla luce di un artwork oscuro e disagiato, si muove anche un sound caliginoso, che non trascende mai in velocità ma che talvolta si perde nei vortici della desolazione più assoluta, un incubo ad occhi aperti raccontato dallo screaming agghiacciante del mastermind della East coast. "Enshrined in Death" e la successiva "The Boundless Plane", sono i due pezzi che aprono il disco, lenti e neri quanto la pece, intorbiditi nel loro incedere anche da una produzione non proprio limpidissima ma che rende alla grande l'effetto sfiduciato e sfiduciante che verosimilmente l'artista intende produrre. "Marble and Bone" è una song strumentale dotata di un certo fascino ammaliante ma anche perverso che ci introduce alla feroce e disturbante "The Ichorous Portal" che potrebbe ricordare una forma più rozza dei francesi Blut Aus Nord, che cosi tanti proseliti stanno raccogliendo un po' in tutto il mondo. Arriviamo a "Nexus of the Untold", il mio pezzo preferito, in cui JL ci propone un black dal taglio orientaleggiante, ipnotico e strisciante come la morte. "Accordance" è un altro psichedelico pezzo strumentale che poggia il suo riffing su un vertiginoso loop ritmico che dischiude le porte alla conclusiva "Oath of Divine Doom", ultimo spietato pezzo black doom di un mefitico album che emerge dalle lave profonde dell'inferno. (Francesco Scarci)

(Self - 2014)
Voto: 70

giovedì 21 agosto 2014

Celestial Waters - Insentient

#PER CHI AMA: Black atmosferico, Blut Aus Nord
Posso vantarmi di essere uno dei cinquanta fortunati che può godere dell'etereo sound estremo in cd dei Celestial Waters (in digitale con dolby surround 5.1). La band di Rapid City (South Dakota) è un duo, in cui il buon JS suona tutti gli strumenti mentre JM ha il ruolo di vomitare tutta la sua rabbia nel microfono. 'Insentient' è un EP di 4 pezzi che si apre con "I", mid-tempo dall'incedere spettrale, incentrata principalmente sullo screaming acuminato di JM e su una ritmica sinistra in cui ronza un'aguzza chitarra, un basso tonante e una flebile tastiera, per un effetto finale dalle tinte assai lugubri. Le atmosfere si fanno ancor più nebbiose con "II", song maligna che potrebbe ispirarsi all'abissale musica dei Blut Aus Nord, con tutte le loro peculiari pieghe disturbanti, nevrotiche, sognanti e schizoidi, per un viaggio che porta direttamente nel profondo, toccando i giusti tasti dell'io psichico. I Celestial Waters hanno una spiccata personalità che emerge prepotente nel terzo brano, "III", una song che, seguendo i dettami dei migliori Darkspace, viene guidata dalle pulsazioni intergalattiche di un basso ipnotico, il vero motore che pilota il suono di questo imprevedibile act statunitense che riesce a offrire un cinematico break ambient prima che il sound torni a contorcersi su se stesso come se fosse affetto da epilessia. La conclusiva "IV" è una song che parte più rabbiosa, ma è solo apparenza: il tumultuo interiore dei Celestial Waters emerge anche in questo pezzo che torna a ricalcare gli insegnamenti di Vindsval e soci, grazie a un timbro cupo in cui ad esaltarsi sono le mortifere atmosfere sulfuree. Peccato solo che 'Insentient' sia un EP di quattro pezzi, avrei desiderato godere ancora delle psichedeliche prodezze sonore del duo JM e JS, splendida sorpresa di questa inquietante estate glaciale, proprio come il sound di questa new sensation. (Francesco Scarci)

(Exalted Woe Records - 2014)
Voto: 80

https://www.facebook.com/celestialwaters0

Heretical - Daemonarchrist – Daemon Est Devs Inversvs

#PER CHI AMA: Black/Death, Morbid Angel, Necromass
Ero scettico, lo ammetto: quando ho inserito 'Daemonarchrist' nel lettore cd e ho sentito superficialmente il primo brano, mi aspettavo di trovarmi di fronte una sorta di clone dei Cradle of Filth. Mi sono sbagliato e anche di grosso. Ascoltando con maggiore attenzione "Averno Resurrecturis", non si possono non notare le ritmiche che strizzano l'occhiolino al death metal, pur sfrecciando indemoniate all'interno di un contesto puramente black. Quello che mi sorprende è che la band esista addirittura dal 1996 (1993 se consideriamo la loro forma primordiale col nome di Immolator), questo a testimonianza del fatto che, nonostante i 3 Lp pubblicati (più uno ancora nel cassetto), gli Heretical non siano dei pivellini di primo pelo e che magari non siano stati proprio i CoF a prendere spunto dai nostri ragazzi siciliani? A parte le mie personali congetture, la band di Caltanissetta, fresca di contratto con la Beyond Productions, rilascia questo dinamitardo concentrato di black iper tirato dall'incedere a tratti orchestrale. Della prima traccia abbiamo già detto in breve, mi lascio pertanto travolgere dalla furia celestiale di "Der Monarchristus", song che sgorga gemme di odio in ogni suo riff, anche dai suoi affilati assoli, che sembrano presi in prestito da un mostruoso duo costituito da Deicide e Morbid Angel. Ecco che i binari della morte e della fiamma nera si incrociano nuovamente, mentre nella liturgica e sinfonica "I Bleed Black", i nostri ci offrono del black sinfonico suonato in una vena death, tradita solamente dalla magniloquenza delle sue tastiere. Le maligne screaming vocals di Nefarius (a tratti in stile Dani) acuiscono la valenza black di questo cd, mentre da sottolineare la mostruosa prova di Arymon (Brisen, Schizo e ex Sinoath) dietro la batteria e di Orias alle keys, apprezzabile soprattutto nella tenebrosa cover dei Limbo, "Devastate e Liberate (Libro Primo)", che ci concede giusto tre minuti di visionarie atmosfere oscure, prima della deflagrazione di "The Gift, Lemegeton". I nostri tornano a pigiare sull'acceleratore come degli assatanati, regalandoci altre violente ritmiche estreme, sulla falsariga di quanto prodotto dai Maldoror di 'Ars Magika' o dagli esordi dei Necromass. La band mostra le sue qualità anche quando i tempi non sono necessariamente forsennati, costruendo grazie a Azmeroth (sia basso che chitarra), delle ritmiche assai articolate. In "Lvzifer Démasqvé" gli Heretical hanno modo di impreziosire ulteriormente il loro sound con un inserto di violino che dona una dose di magia all'album, che nei suoi tre episodi conclusivi, ha ancora modo di offrirci ottimi spunti. "Res Satanæ Creata" è un pezzo esoteric-ambient, "Cvm Clave Diaboli" furia cieca e la conclusiva "Demonmetal" ci garantisce gli ultimi attimi di death/black, con tanto di chorus thrashettoni. Il disco si chiude con un outro in cui ricompare il violino, strumento caldo e sensuale che termina degnamente un lavoro che trova il modo di sorprenderci (io avrei evitato) con una serie di tracce fantasma, fino alla 66 in cui la band si diletta in inutili suoni dal sapore noise. Ci saranno anche voluti 13 anni dal precedente album, ma ne è valsa fondamentalmente la pena. (Francesco Scarci)

(Beyond Productions - 2014)
Voto: 80

Asgrauw – Schijngestalten

#PER CHI AMA: Black, Watain, Craft, God Dethroned
Gli olandesi Asgrauw ci offrono un album autoprodotto di otto brani di media/breve lunghezza, che incarnano alla perfezione il lato del black metal viscerale, combattivo e sanguigno. Il trio sfodera le sue armi all'insegna della fiamma nera al meglio e non fa prigionieri sotto i colpi del proprio tiratissimo sound, registrato a puntino e mixato in perfetto equilibrio. Screaming violentissimi e ritmiche trita tutto ai mille orari, forse non così variegati gli arrangiamenti e leggermente ripetitivi ma decisamente efficaci, per non dire letali. Siamo nelle praterie oscure dei Watain, God Dethroned e Craft, con il tutto che ruota intorno al malefico screaming dei due egregi vocalist, rispettivamente Vaal (anche alle chitarre) e Kaos (anche al basso), mentre alle pelli troviamo Batr che, in fatto di velocità, non ha di che temere nessuno. Dicevamo che il sound è scarno e violentissimo, senza fronzoli inutili e devoto all'assalto frontale; raramente placa la sua ira per lasciar posto a forme più atmosferiche di musica. Le traccie che riassumono al meglio la personalità della band olandese sono a nostro avviso il quinto e sesto capitolo, "Luxuria" (la nostra preferita) e "Uit Grauwe as Ontstaan". Il cantato come si evince dai titoli, è in lingua madre e considerando che la band si è autoprodotta ed è al suo primo lavoro, non possiamo che sperare in un cammino costellato di allori e grosse soddisfazioni, ma solo se i nostri continueranno a percorrere questa strada. A nostro modestissimo parere, l'unica pecca di questo lavoro alla fine, risulta essere un artwork assai primordiale e minimalista che non incarna in nessun modo l'esplosiva forza sonora emanata dalla band, che andrebbe meglio rappresentata da una grafica mozzafiato. Comunque il succo c'è ed è tutto da gustare! (Bob Stoner)

(Self - 2014)
Voto: 75

And Then We Fall - Soul Deserts

#PER CHI AMA: Rock Dark Folk
Dopo tante distorsioni, ritmiche furibonde e urla strazianti, è piacevole fare un washout mentale e uditivo con melodie rock\folk\dark new wave, magari da un paese che non ha una vasta scena di questo tipo, come il Portogallo. Il quartetto degli And Then We Fall (ATWF) debutta con questo cd uscito lo scorso febbraio sotto l'etichetta lusitana Ethereal Soundworks; andiamo quindi ad ascoltare le dieci tracce contenute nel semplice, ma curato jewel case. Dalle foto del loro profilo facebook si nota che gli elementi del gruppo non sono dei giovani sprovveduti, sicuramente hanno qualche anno di esperienza passato in diverse formazioni. Subito si nota l'utilizzo di suoni molto puliti, cristallini che bene si sposano con l'angelica voce della cantante, leggermente impreziosita da un riverbero aggiunto in post produzione. Il pezzo di apertura è "Ancient Ruins" che racchiude in sé tutto il background della band ed è caratterizzato da suoni puliti, ricchi di riverbero e infinita profondità. Cori eterei accompagnano il cantato e una ritmica veloce, ma mai invasiva, trascina il brano rendendolo dinamico e piacevole all'ascolto. "Until the Morning Comes" mostra il lato più rock della band, con un riff di chitarra dal suono quasi noise e una sezione ritmica classica e senza tanti fronzoli. Gli stessi arrangiamenti non esplorano nuovi orizzonti, ma nel complesso il tocco della band permette di dare una propria identità al brano. "Soul Deserts" invece è una traccia molto introspettiva, che prende a piene mani dal vasto scenario dark degli anni '80-'90, introducendo anche una linea di flauto, che mette in mostra un attaccamento alla vena folk da parte della band. Tutto sommato una band interessante, che va controtendenza senza farsi particolarmente influenzare dalle mode del momento, che vede gruppi più giovani spaziare nel pop, mirando puramente al riscontro del pubblico. Magari a discapito del proprio piacere di suonare e comporre. (Michele Montanari)

(Ethereal Soundworks - 2014)
Voto: 75 

Cult of Vampyrism – Aporia

#PER CHI AMA: Doom esoterico, Shape of Despair, Christian Death, Pazuzu
Uscito nel 2013 per la Mercy Despise Records, il nuovo lavoro del combo italico Cult of Vampyrism racchiude immagini molto suggestive, tinte di romanticismo gotico decadente di ottima fattura. L'opera, suonata interamente dal leader Trismegisto, è uno scrigno dorato di atmosfere cupe, gelide e cristalline devote al verbo del doom esoterico e magistralmente virate a una forma di dark wave che in Italia, per fortuna, continua a produrre musica unica di alto spessore. 'Aporia' è lanciato in orbita dalla presenza vocale di Morgenstern, una dea luciferina che incarna le doti migliori della scena dark rock, ricordando il mito di Gitane Demone intrecciato alla grazia di Elena Alice Fossi dei Kirlian Camera (vedi l'esperimento di fine album "Something Special for You" che sfiora sonorità ambient dark wave tanto care ai KC) e, se permettete il paragone, alla libertà canora che si era vista solo nei migliori Disciplinatha (cult band per eccellenza!) - che come in questo caso alterna voce maschile (Trimegisto) e femminile (Morgenstern), lingua inglese e italiana (a volte anche il latino...), recitato e canto in un verbo tanto teatrale che fa risultare il tutto veramente bello e fuori dal tempo. L'album porta al suo interno il seme mistico di band come gli Esoteric, in qualche caso ricorda gli Atrocity più sinfonici, i Lacrimosa e il gothic sound dei Christian Death più eterei, che non rinuncia a brevi ma efficaci virate vintage nella concezione prog di band come gli Hammers of Misfortune e che mantiene costante i contatti con il suono dell'infinito di matrice funeral doom di casa Shape of Despair. In questo contesto, il secondo lavoro dei Cult of Vampyrism rende l'idea di come si possa creare musica intelligente anche in Italia, con un volto marcatamente underground e dal respiro internazionale. Un suono unidirezionale composto da tante influenze, fatto per creare atmosfere buie piene di romanticismo, dall'umore decadente ma costruttivo e molto vitale nelle sue composizioni, elaborate come fossero una performance teatrale (di vaga memoria Pazuzu), intenso e ragionato dove la tecnica è a supporto del risultato da ottenere e nulla è lasciato alla schiavitù del virtuosismo. Dalle lande più oscure dell'anima, una calda iniezione di vitalità inaspettata. Ottimo album da valutare attentamente in un panorama italico eternamente vuoto, statico e omologato. Da ascoltare senza limiti! (Bob Stoner)

(Mercy Despise Records - 2013)
Voto: 80

mercoledì 20 agosto 2014

Schemata Theory - Dry Lung Rhetoric

#PER CHI AMA: Heavy/Progressive, Metallica
Per fortuna quest'estate disgraziata (meteorologicamente parlando), mi ha quantomeno portato sulla scrivania dei bei prodotti da ascoltare e analizzare: uno di questi è senza ombra di dubbio il full lenght degli Schemata Theory, gruppo inglese che gode già di una discreta fama e che da quanto mi risulta, è già alle prese con il successore di questo 'Dry Lung Rhetoric' datato 2012. Informandomi qua e là, ho letto che i componenti del gruppo si sentirebbero influenzati da mostri sacri quali Metallica e Dream Theater; personalmente ritengo che la loro musica sia influenzata molto meno di quanto ne possano essere i vari membri e questo lo trovo assolutamente positivo. Soprattutto perché il progetto sta in piedi da solo e cammina con gambe forti sulla propria strada, godendo di musicisti ben dotati sotto il punto di vista tecnico e compositivo. Mi riesce anche difficile etichettare rigidamente la musica proposta, perché si tratta di un sound in continua evoluzione lungo i minuti del disco, ma sempre ben strutturato e ben calibrato. Si tocca il metal classico, ma anche lo sludge, il post metal ed il progressive. Le canzoni sono piacevoli, non c'è che dire; la varietà di tipologie di vocals proposte è poi davvero ampia, cosi come le chitarre che, sempre belle quadrate, scolpiscono riffoni degni di nota. Non vorrei tralasciare infine l'affiatatissima sezione ritmica che si fa sentire, eccome. Tutto in questo cd sembra filare in modo scorrevole, tanto che la fine arriva troppo in fretta e sono costretto a ripigiare il play per un altro ascolto. Forse, un tocco più “aperto” nella scelta dei suoni avrebbe giovato a tutto l'insieme, perché in alcuni punti trovo il suono della batteria un po' troppo chiuso e “caldo” per il genere proposto, ma stiamo parlando veramente di inezie. Sugli scudi, in assoluto, la tripletta iniziale con l'intro strumentale “A Dark Dawn”, “Perish or Prevail” e “Drones”; ma il vero capolavoro arriva con “Crisis Unveiled”, vera e propria tempesta sonora dalla quale si vorrebbe essere investiti ogni qual volta possibile. Graditissima sorpresa per quel che mi riguarda, gruppo dal notevole potenziale, a mio parere espresso ancora solo in parte; e se questi sono i risultati, ben vengano altri nuovi lavori della band. E speriamo poi, il prima possibile. (Claudio Catena)

(ABAF Records - 2012)
Voto: 75

Islands - S/t

#PER CHI AMA: Post Metal, Cult of Luna, *Shels
Una delle cose che più mi fa incazzare è quando una band fantastica come quella che sto per recensire, non viene notata da nessuna etichetta e una release come quella degli australiani Islands, finisca per passare totalmente inosservata anche dagli addetti ai lavori, soprattutto a causa di un'uscita unicamente digitale. In questo caso, al Pozzo abbiamo voluto fare uno strappo alla regola proprio per poter dare valore ad una release davvero interessante in un ambito a dir poco intasato ultimamente come quello del post metal. 'Islands' è un lavoroche consta di 5 pezzi che avanzano lenti e carichi di groove. I punti di riferimento? Gli onnipresenti Cult of Luna, ormai vera e propria istituzione per il genere, tanto da aver a mio avviso surclassato gli ormai disciolti Isis, gli sperimentalismi dei The Ocean e la rigida integrità dei Neurosis. Gli Islands partono da questo sound, offrendo uno spaccato di desolati paesaggi invernali e arricchendolo di qualche orpello tipico di quegli australiani, popolo da sempre ricco di idee innovative. E cosi dopo l'iniziale “Golden Path”, i nostri si mettono a giocare con i riverberi di “Hand Built View”, song che si muove tra il post rock/metal e il progressive, offrendo splendide melodie, qualche bel chitarrone pesante, vocals tra il growl e lo screaming e un'ascendente progressione di suoni e colori, in uno sbarluccichio di emozioni che esaltano la prova di questi ragazzi. Non so se queste mie parole bastino per convincere in primis le etichette, poi chi legge, che abbiamo a che fare con una band dotata di enorme talento che può veramente rivoluzionare un genere. “Clouds Mistaken for Smoke” è una traccia strumentale di dieci minuti che vive di splendide ambientazioni post rock prima di ruggire con eccelse linee di chitarra in un ipnotico viaggio che per certi versi mi ha ricordato le ultime cose degli *Shels miscelati con le melodie dei Ne Obliviscaris. Spettacolari. “March” è il brano più oscuro dei cinque, ma anche il più corto e forse quello che meno riflette i contenuti fin qui uditi, che si fa ricordare solo per l'utilizzo pulito della voce e poco più. Arriviamo ai 13 minuti finali di “I, Destroyer” e ancora gli Island possono dirsi bravi nell'aver riscritto e ampliato i limiti che questo genere ha ancora da offrire, in una song corrosiva, ma comunque pregna di malinconia e dotata di un'accattivante componente progressive/post-hardcore. Inutile ribadire la grandiosità dei suoni contenuti in questo album omonimo, non potete fare altro che collegarvi alla loro pagina bandcamp e scaricarvi (peraltro gratuitamente) il loro lavoro e se anche voi lo apprezzerete come il sottoscritto, beh potreste anche lasciare la vostra offerta per stimolarne la messa su cd. Sarebbe un delitto ignorarli. (Francesco Scarci)

(Self - 2013)
Voto: 85

Heaven's Scum - It All Ends in Pain

#PER CHI AMA: Swedish Death, Dark Tranquillity, Arch Enemy 
Da oggi, il Lussemburgo non sarà più solo la nazione famosa per lo sviluppato settore bancario o siderurgico, ma anche la patria che ha dato i natali a questi melo-brutal deathsters che rispondono al nome di Heaven's Scum. Il quartetto di Differdange, formatosi nel 2011, esordisce a tre anni dalla sua fondazione, con questo 'It All Ends in Pain', album che in realtà di brutale ha forse solo la voce. "Never Wanted", la prima song dopo l'intro apripista, infatti si muove infatti su sonorità oserei dire Swedish, strizzando l'occhiolino a Dark Tranquillity o ad Arch Enemy, senza mai travalicare i confini del brutale. Diciamo che quello che penalizza al primo ascolto il debut album dei nostri (ma accadrà ahimè anche dopo svariati), è ascrivibile ad un cattivo bilanciamento in termini di equalizzazione del suono, con le growling vocals di Bigben Canyon, sempre troppo in primo piano a seppellire quasi del tutto il roboante incedere strumentale dei nostri, a tratti ovattato nella sua peccaminosa pulizia. Questo si rivela come una vera tragedia per l'esito finale, perché si fatica a gustare il riffing graffiante dell'act mittleuropeo, o qualche arpeggio dal vago sapore progressive. Tra le song, vi segnalerei "Love" per quel suo approccio più rock oriented. "Dr. Lecter's Passion" ha delle buone linee melodiche, peccato solo che a sconvolgerne ancora una volta il risultato conclusivo, ci sia il vocione di Bigben che, se ben modulato, a mio avviso potrebbe invece regalare ottimi risultati, soprattutto nella sua veste più sporca o urlata, proprio come accade in questa song, la migliore del lotto, e in "Enemy" la classica ballad heavy, in cui si può godere di una versione più intimista del vocalist del Granducato. Con le successive tracce i nostri tornano in pista, tenendo però il pedale dell'acceleratore schiacciato ma mai fino a fondo scala, muovendosi piuttosto su mid-tempo assai ritmati. Con "Blood Covered Dawn" è tempo di un'altra ballad prima della thrashettona "Inferno" (d'altro canto con quel titolo, che ci si poteva aspettare), che vanta un discreto arpeggio centrale. Un'altra ballad (ora si esagera però) è "I Don't Know", quattro minuti e mezzo che spezzano il ritmo un po' a singhiozzo che il disco è andato acquisendo e che verrà nuovamente spezzato dalla semi ballad "The Fallen Hero". Insomma, 'It All Ends in Pain' ha evidentemente più ombre che luci, tocca ora agli Heaven's Scum aggiustare qualcuna delle loro lampadine e darci un prodotto decisamente superiore. Mi raccomando, la prossima volta non si soprassiederà su questi errori che in un debut album hanno tutto il diritto di stare. (Francesco Scarci)

(Self - 2014) 
Voto: 60 

domenica 10 agosto 2014

Icosa - The Skies Are Ours

#PER CHI AMA: Djent Progressive, Tesseract, Meshuggah, Tool
Se due su tre membri della band hanno chitarre a 7 e 8 corde, voi a che genere pensate? Facile no, al djent. Ecco quindi già vagamente (ed erroneamente) circoscritto l'ambito in cui si muovono i notevoli Icosa, ensemble proveniente da Londra. Amanti di Meshuggah e dei primi Tesseract fatevi avanti, avrete di che ingozzarvi con le cervellotiche linee di chitarra del duo formato da Tom Tattersall e Stacey Douglas, con il primo anche vocalist e con Jack Ashley a completare l'esplosivo terzetto, dietro una farneticante batteria. "Ermangulatr" si presenta timida, ma a poco a poco cresce, fino a che non salgono in cattedra i chitarroni ultra tecnici delle due asce e le vocals urlate del bravo Tom. La song innalza splendidi muri di suoni arzigogolati ma sempre assai melodici che si alternano a paurosi stop'n go e a belle sfuriate death, senza tralasciare ipnotiche ambientazioni e fughe math, in una sorta di connubio tra i Tesseract più incazzati e i più meditativi Between the Buried and Me, il tutto improvvisato come nella migliore jam session. I territori esplorati con la successiva title track - part 1 - ci conducono in mondi ancor più bizzarri, in cui forse risiedono i The Mars Volta, il folletto Devin Townsend ma anche qualche deathster incallito. La voce di Tom si dirige verso toni più malati, mentre le ritmiche degli Icosa si spingono verso un suono ancor più stravagante, dotato di ritmiche sghembe dall'effetto asfissiante, che si muovono impazzite dalla cuffia destra a quella sinistra e viceversa. La psicosi degli Icosa mi entra nel cervello e con la title track - part 2 - i nostri non fanno altro che darmi il colpo di grazia con uno schizoide sound baritonale, che partendo dai più classici Meshuggah e Tool, trova modo di sfogarsi in divagazioni rock settantiane (King Crimson), merito anche del vocalist che va in cerca di vocalizzi meno estremi e più "cantabili". Con "Trepidation" gli Icosa chiudono egregiamente il loro EP, 'The Skies Are Ours', divertendosi con sonorità inizialmente mid-tempo, ma che cedono ben presto il passo ad un sound evoluto, iperbolico e totalmente imprevedibile, che ha modo di palesare a 360° tutti i pregi dell'act londinese, dall'eccezionale tecnica e padronanza strumentale, al favoloso gusto per le melodie e alla grande capacità di coniugare insieme queste incredibili doti. Per il momento, la mia votazione si limita a un 80, ma per il semplice motivo che ho potuto godere solamente di 22 minuti di musica; inoltre, meglio partire sempre dal basso se si vogliono raggiungere vette stellari. (Francesco Scarci)

(Self - 2014) 
Voto: 80 

Old Wainds - Nordraum

#PER CHI AMA: Black Old School 
Old Wainds, un nome, una garanzia. La garanzia sta nel fatto che qualunque album la band rilasci, è qualcosa di assolutamente ignorante e votato alla totale devastazione. Questi russi sono in giro dal lontano 1996 e solo dopo 3 demo, nel 1999, esordiscono con un vero e proprio full length. La capacità di questa band non è nelle doti tecniche, gli Old Wainds suonano infatti fottutamente primitivi, essenziali e senza virtuosismi di sorta, la loro bravura risiede nel fatto che con 4 riff in croce siano in grado di risucchiarti in un vortice di insanità mentale. Questo nuovo 'Nordraum' vanta, per la prima volta, un artwork semplice ma di ottimo impatto visivo cosa che non si può dire dei loro precedenti lavori dal titolo in cirilico e dalle grafiche non proprio ispirate; questa volta nel libretto ci sono persino i testi tradotti dal russo all’inglese e questa è una mossa intelligente per una band che guarda al futuro, di sicuro più florido di un passato non proprio glorioso. Devo ammettere che da una copertina ed un libretto così ben curati mi aspettavo anche una sostanziale sterzata di stile verso strade più limpide ed orecchiabili, ma mi sono sbagliato di grosso perché 'Nordraum' si rivela letteralmente come artiglieria pesante in mano a dei pazzi furiosi, una vera carneficina! La registrazione è molto migliore se paragonata ad altri loro album, tuttavia gli Old Wainds proprio non ne vogliono sapere di suoni laccati. Il sound di 'Nordraum' è rimasto più o meno lo stesso, graffiante, ruvido e fortemente distorto e questo rappresenta uno dei punti di forza che ha caratterizzato la band sin dagli albori. Dimenticatevi tastierine e chitarrine folk, perché in questi 38 minuti a farla da padrone sarà solo l’enfasi del chaos e della devastazione. Tracce semplici di media durata, come microsismi che ti smuovono dentro: ascoltate “Insane Stellar Race” e “As Spilled Blood They Sprout” per farvi un'idea e chiedetevi quanti sono ancora i gruppi che nel 2014 suonano veramente Black Metal senza infarcirlo di cazzate avantgarde e/o progressive per renderlo più appetibile alla massa; e se ancora non vi basta ascoltate l’ottava ed ultima traccia “Stoneweaver”. Certo forse non siamo di fronte ad un capolavoro ma un gruppo così va promosso soprattutto per la costanza nel proporre un genere che deve o sarebbe dovuto rimanere così, sporco, violento ed al contempo trascendentale. Il Black Metal è quella musica che ti travolge, un buio dove è possibile osservare i propri istinti primordiali, una zona intima, nascosta agli occhi dei più, dove solo noi possiamo avere accesso e gli Old Wainds riescono magistralmente nel loro intento. In conclusione, credo che qualunque persona amante del vero Black Metal troverà 'Nordraum' un buon album soprattutto per la genuinità della proposta. (Alessio Skogen Algiz)

(Negative Existence - 2014) 
Voto: 75 

Enola - The Light Fröm Below

#PER CHI AMA: Post Hardcore, Isis, Mastodon, Yakuza
La Francia si riconferma terra sacra e fertile per l'underground dedito al post core più interessante e prolifico. Gli Enola vengono da Tolosa e sfornano un album dal titolo 'The Light Fröm Below' che supera ogni mia aspettativa. Post core per attitudine, alternativo di nascita ed emotivamente spinto per carattere. Dentro questo scrigno sonoro possiamo trovare di tutto, dall'heavy psichedelia astrale dei Mastodon alla fisicità stregata di Yakuza, Eyehategod e Converge, dalle ali illuminate del suono degli Isis all'allucinata urgenza creativa divergente degli At the Drive In e chissà quante altre band vi verranno in mente nel riascoltarli più volte. Il fatto è, che la bravura indiscussa del quintetto francese fa scivolare la musica tra i vari stili musicali estremi con una facilità spiazzante. Restando fermi dell'idea che a renderli ancora più interessanti è il loro modo di mantenere alta l'originalità nelle composizioni, quell'identità che (mi si perdoni il paragone!) mi rimanda con nostalgia alla veste più selvaggia dei compianti Noir Desir (quelli di 'Tostaky' del 1992). Certo, gli Enola vengono da un altro pianeta, sono molto più potenti, suonano parti melodiche intense e magmatiche, hanno energia da vendere, attingono anche dal nu metal (vedi System of a Down) e riescono ad aggiungere un'emotività così reale e vitale che in pochi nel genere sanno ancora far pulsare. Tecnicamente ben preparati, vocalmente sicuri, due chitarre ben congeniate e talentuose, un ordigno di cinque brani pronto ad esplodere tra le vostre mani senza pietà. Questi indomabili musicisti francesi non si sono risparmiati nel comporre e suonare quest'album e si sente dalla prima all'ultima nota, tutto per la gioia dei nostri timpani. Calcolate un nuovo amore per la vostra collezione di post core, nel sotterraneo francese vi attende qualcosa di atomico... Enola! Da avere!!! (Bob Stoner)

(Self - 2014)
Voto: 80 

sabato 9 agosto 2014

Sagas – Traumwanderer

#PER CHI AMA: Doom Black Progressive, Tyr, Anathema, Agalloch, Paradise Lost 
Parto inconsueto questo EP di debutto dal titolo 'Traumwanderer' dei tedeschi Sagas, uscito nella primavera del 2014. la band teutonica si presenta con un artwork abbastanza originale, e un booklet completo di testi cantati esclusivamente in lingua madre, cinque brani per circa una mezz'ora di musica divisa tra alternative metal, progressive e black atmosferico. Potremmo accostare il quintetto di Happenheim allo spirito degli Agalloch ma i nostri non sono così devoti al pagan folk, li potremmo avvicinare agli ultimi Tyr ma suonano più moderni e alternativi anche se l'effetto ipnotico/epico si avvicina molto; potremmo trovare deboli tracce dei Paradise Lost o dei My Dying Bride (vedi "Konigsmord") se solo volessero apparire più gotici, potremmo giudicarli come una versione prog dei Craft se fossero decisamente più glaciali e ferali, comunque, anche se non tutto quadra alla perfezione, in queste cinque tracce si trova la forza e il coraggio di oltrepassare le barriere dei generi, sperimentare nuovi accostamenti sonori, vedi il growl e le parti vocali narranti estremamente ostiche e malvagie (di scuola Immortal), legate a chitarre pulite, cristalline, supportate da doppia cassa rombante a pieno regime. Un sound (dalla chiara derivazione gothic anni '90) pulito all'inverosimile, astratto, come se ad una black metal band sostituissimo i tipici suoni distorti e cavernosi scambiandoli con quelli dei ultimi Anathema o dei primi Alcest. L'incontro risulta affascinante, atipico, originale anche se a volte non sempre incisivo, sicuramente ricco di atmosfera, arcaico e innovativo allo stesso istante. Qualche piccola modifica, amalgama e sofisticazione alle composizioni ed il gioco è fatto! Possiamo quindi sperar bene per il prossimo futuro di questi musicisti tedeschi. Calcolando poi, che la band è di recentissima costituzione, è nostro dovere tenerla d'occhio, confidando in nuove ricette sonore molto promettenti. Album da recepire con cautela, da odiare o amare senza moderazione. Interessante debutto! (Bob Stoner)

(Self - 2014)
Voto: 70

Fallujah – The Flesh Prevails

#PER CHI AMA: Death Progressive, Cynic
Dopo il cambio stilistico ravvisato con il precedente EP, il brillante 'Nomadic', si è creata una certa attesa per il nuovo album degli americani Fallujah, anche da parte del sottoscritto, che non aveva particolarmente amato gli esordi della band, ancora impastati da una buona dose metalcore. Invece sono curioso di ascoltare il nuovo 'The Flesh Prevails' che promette di portare una bella ventata d'aria fresca al genere. E la opening track, “Starlit Path”, mette subito i puntini sulle "i" offrendo sonorità dotate di classe e una buona dose di melodia, quasi del tutto inattesa. Notevole l'impatto dei nostri con una song che non rinuncia al roboante ardore del deathcore, alle sue ritmiche al fulmicotone, alle growling vocals di Alex Hofmann, ma che aggiunge articolati giri di chitarra, ariose linee melodiche e ne garantisce una notevole accessibilità. Il suono si fa ancor più articolato con la seconda “Carved From Stone” che affianca alla furia dei nostri break dal forte flavour progressivo in pieno stile Cynic. Pazzesco. La violenza dirompente esplicata da una ritmica schiacciasassi e da brutali vocals vengo mitigate da semplici delay di chitarra. Forse è con la successiva “The Night Reveals” che i nostri prendono ancor più le distanze con il passato, certo non a scapito della pesantezza dei suoni, che vengono meglio convogliati e arricchiti da arrangiamenti che rendono il sound dei Fallujah più pieno e completo. Con la title track, la musica dei Fallujah completano definitivamente la propria conversione con un sound di fatto più vicino ai Cynic, piuttosto che agli esordi burrascosi dell'ensemble californiano, e questo non può far altro che giovare alla nuova immagine dei nostri. Non conosco il perché di questa svolta, sinceramente me ne frego e anzi me ne compiaccio visto che ho trovato una nuova band che mi faccia vibrare con la propria musica ricca, complessa e cinematica. Non me ne vogliano i vecchi fan della band, ma io i Fallujah li preferisco cosi e quando in “Levitation” compare in sottofondo una voce femminile, non mi sconvolgo e confermo nel vedere i nostri come potenziali e degni eredi dei già citati Cynic. Ci vorrà ancora tempo, consapevolezza e il raggiungimento di una maturità consolidata, per arrivare là dove sono arrivati Paul Masvidal e soci, ma posso dire che quella imboccata dai Fallujah è una strada tortuosa, irta di ostacoli, ma sicuramente illuminante. Ben tornati ragazzi. (Francesco Scarci)

(Unique Leader Records - 2014)
Voto: 85