Cerca nel blog

mercoledì 27 aprile 2011

Between the Buried and Me - The Parallax: Hypersleep Dialogues

#PER CHI AMA: Post Metal, The Dillinger Escape Plan, TesseracT
Ecco ci risiamo, lo sapevo, me lo sentivo: ogni volta che arriva un cd nuovo dei Between the Buried and Me, un mix di tensione, entusiasmo e angoscia mi attanaglia lo stomaco e ancora una volta, la band di Greensboro, fresca di un nuovo contratto con il colosso Metal Blade, sfodera l’ennesima brillante prova, con un sound che, rispetto all’eccezionale precedente “The Great Misdirect”, non cambia di una virgola il proprio mood, proponendo un solido extreme progressive foolish metal (ascoltare l’epilogo folk di “Augment of Rebirth” per capire qual è il quantitativo di follia insito nella band statunitense). In questo nuovo cd, ci sono solo tre pezzi, per un totale di 30 minuti di musica che fanno dell’improvvisazione il loro dogma; e la musica rimane quella di sempre, con una base violenta, articolata, psicotica, mai scontata, in costante evoluzione, brutale, sulla quale si riescono ad incastonare dei piccoli gioielli preziosi, che solo pochissime band ad oggi, sono in grado di proporre. Con i Between the Buried and Me, il mathcore si fonde con atmosfere rock progressive alla Pink Floyd, gli schizzatissimi cambi di ritmo si amalgamano alla perfezione con atmosfere rilassate, quasi sognanti e assai melodiche; serratissime scorribande in territori vagamente grind si esaltano con le bellissime clean vocals di Tommy Rogers, abile a proporsi come sempre anche in una veste ben più aspra. Difficile descrivere nel dettaglio i tre brani qui proposti, tante e tali sono le sensazioni che vi si possono percepire. Alla fine del cd, sono talmente stordito dalla perfezione di questa release (e stupefatto dalla precisione chirurgica a livello tecnico della band), che sento la necessità di ricominciare daccapo e rituffarmi in un vigoroso e vertiginoso vortice di emozioni spaventose. Mostruosi come sempre, graditissima conferma! (Francesco Scarci)

(Metal Blade)
Voto: 80

martedì 26 aprile 2011

Progeny - Insanity

#PER CHI AMA: Death/Thrash, Pantera, Death
È sempre difficile dare una valutazione completa di un lavoro costituito da 3 pezzi e i 14 minuti di questo MCD non sono a mio avviso sufficienti a capire le potenzialità di questi Progeny, band comunque in giro da un bel po’ di anni (2004). Si inizia subito con la rutilante “Devourer of Worlds”, dove a dominare sono delle chitarre belle toste, sostenute da un ottimo lavoro dietro alle pelli di Luca, da un basso che disegna linee ipnotiche e un vocalist dotato di una discreta personalità, capace di graffiare con la sua impostazione vocale, mostrando di essere un buon cantante. Le coordinate stilistiche su cui si muovono i nostri, se non l’aveste già capito, sono molto vicine ai grandissimi Pantera, anche se una certa matrice di fondo techno death, tenda a spostare la proposta musicale dei nostri, verso lidi più estremi e death oriented, andando a scomodare, come paragone qualcosa dei Death o dei Morbid Angel, il che è più udibile nella seconda articolata e complessa “Disciples of Sufferings”, song che comunque non si lascia mai andare alla brutalità fine a se stessa. È forse con la conclusiva “Black Sun of Inhumanity” che i nostri provano ad accelerare leggermente la propria proposta musicale, che comunque tende ad assestarsi su un mid tempo ragionato e mai fuori controllo, caratterizzato da una ricerca di un proprio stile in grado di prendere le distanze dai filoni tanto di moda in questo periodo. Peccato ancora una volta per la breve durata di questo demo cd, altrimenti il giudizio avrebbe potuto essere più elevato. Visto che “Insanity” è abbastanza datato, mi aspetto di sentire quanto prima qualcosa di nuovo e fresco, da questa potenziale interessante band. (Francesco Scarci)

(Self)
Voto: 65

lunedì 25 aprile 2011

Dynabyte - 2KX

#PER CHI AMA: Electro Death, Cyber, Industrial
Sono sempre stato un grande fan di Cadaveria e quando lasciò gli Opera IX, produsse un vuoto incolmabile nella band di Vercelli, nonché nella mia. Fortunatamente in seguito, la nostra carismatica e brava singer è tornata con il suo progetto omonimo e questi Dynabyte, dove poter dar sfogo alle proprie attitudini più sperimentali, tra l’altro con grandi risultati fin dall’esordio, “Extreme Mental Piercing”, di cui custodisco preziosamente la mia copia. Con questo nuovo “2KX”, il cui significato sarebbe 2010, il trio Cadaveria; L.J. Dusk e l’inossidabile John, non si pongono limiti e si spingono verso lidi probabilmente mai esplorati fino ad ora. Gelidi suoni cibernetici si fondono con break di chiaro rimando techno, con appendici industrial che poggiano su un solido background di musica estrema, ma in questa nuova schizoide release, tutto alla fine si rivelerà estremo. “Equilibrium” apre le danze con la litania pulita di Cadaveria alle vocals che si alterna con il suo growling feroce, sopra un tappeto ritmico contraddistinto da ritmiche assassine create da un riffing dinamico e un pesante intervento di di drum machine e synths. Il marchio di fabbrica si ripete anche nella successiva “F.T.L.” caratterizzata da suoni disturbanti posti ad aprire la traccia, soavi e melodici vocalizzi della nostra lei e un impianto elettronico che fa dell’ossessività il suo punto di forza, non temendo mai di spingere cosi forte sull’acceleratore. I Fear Factory più industriali si fondono con i The Kovenant più elettronici in un arrembante miscela di suoni coinvolgenti, talvolta danzerecci (sempre di pogo stiamo parlando sia chiaro), frenetiche percussioni tribali che penetrano le nostre menti già per conto loro disturbate da una società al limite dello sfacelo. E in questo contesto si pone il tema delle lyrics della release, ossia sul rapporto uomo-macchina, tema già affrontato da diverse altre band nell’ultimo periodo. Intanto il cd scorre via senza un attimo di esitazione, con la voce di Cadaveria (e tonnellate di sintetizzatori) a far la differenza con qualsiasi altra proposta di questo tipo, ad alternare suadenti clean vocals, growling periodo Opera IX e striduli vocalizzi degni del miglior King Diamond. “Cold Wind of Fear”, la psicotica “Speed”, l’inquietante “I’m not Scared” fino alla conclusiva enigmatica “Blinded by my Light” sono solo alcuni degli ottimi esempi di cyber music inclusi in questa nuova release targata Dynabyte, che ha il suo tocco conclusivo di difformità nella scelta di produrre il tutto su una chiavetta USB assai ricca di contenuti multimediali. Nel 2011, i Dynabyte sono decisamente al passo con i tempi, anzi ho come l’impressione che li stiano anticipando in un qualche modo… (Francesco Scarci)

(WormHoleDeath)
Voto: 80

Ritual of Rebirth - Of Tides and Desert

#PER CHI AMA: Death/Thrash, Testament, The Haunted
Inizio la recensione di questo disco dei Ritual of Rebirth partendo dal fondo questa volta, ossia cari amici metallari, sappiate che il disco è uscito con licenza CreativeCommons ed è quindi già in download gratuito e, soprattutto legale, sul seguente sito: www.jamendo.com/it/artist/ritual_of_rebirth. Detto questo, vi invito proprio a scaricare la musica autoprodotta dall’act italico e a dargli una chance, una grossa chance. Sebbene l’album sia autoprodotto, il contenuto è sicuramente di ottima fattura, fin dal suo aspetto esteriore, andandosi a collocare musicalmente in un ambito non proprio thrash, ma neppure propriamente death metal. La musica dei nostri si piazza infatti a metà strada tra i due generi andandoli tuttavia a centrifugare con aperture che sanno più di heavy metal classico nel senso del termine, piuttosto che di musica estrema, anche se fa dell’aggressività e della violenza il suo credo principale. Si parte forti con la title track, ma è già la sorprendente seconda traccia, “Skep.Tic” a dimostrarci quanto la band sia in piena forma: un treno in fase di deragliamento ci investe subito con il suo locomotore impazzito, pregno di potenza, fornito dal tandem di macchinisti, Tommy Talamanca (mastering) e Fabio Palombi (produzione), senza dimenticarci ovviamente del resto della band che ci prende a martellate furenti con feroci frustrate nel costato. Frustrate che proseguono anche con la successiva, “All is Blank”, song nervosa e stizzosa, caratterizzata da percussioni tribali a metà pezzo, mentre il drumming ossessivo affonda con estremo piacere, insieme ai fendenti (un po’ brevi a dire il vero) offerti dai solos. Questo sicuramente non è un lavoro che fa dei virtuosismi il suo punto di forza, ma è la violenza che gronda dagli strumenti dei nostri a fare la differenza, spingendoci senza ombra di dubbio in un vortice di headbanging impazzito, anche se la maggior parte dei pezzi, alterna sfuriate death/thrash con mid tempos ragionati e dove la voce del buon Alessandro Gorla, impreziosisce con il suo cantato sporco e cattivo la proposta dei cinque ragazzi genovesi. Un bel basso slappato apre “Sick Shylock” prima di concedersi ad una variazione al tema con un bridge che profuma un po’ di techno death, per poi riprendere il tema portante di sonorità thrasheggianti, contaminate da sane dosi di groove e una strizzatina di occhi a sonorità un po’ più post (fighissima la parte conclusiva del pezzo, che elevo a mia traccia preferita). Un mosh frenetico apre “Zebra Stripes” con la voce di Gorla costantemente corrosiva e le ritmiche frenetiche che richiamano ad un che degli Arch Enemy. Ancora mazzate sulla faccia con la settima “Hell to Pay” e con la lunga conclusiva “The Blind Watchmaker”, decisamente la traccia più elaborata (e un po’ più progressive), forse il primo passo alla ricerca di un sound molto più definito e personale, che deve essere in grado di elevare la band ligure sulle altre. Le potenzialità ci sono tutte e "Of Tides and Desert" ne è la palese dimostrazione: sound al passo con i tempi, furia in abbondanza, melodia un po’ col contagocce ma tanta energia da vendere… al miglior offerente! Si attendono ora le migliori offerte… (Francesco Scarci)

(Self)
Voto: 75

domenica 24 aprile 2011

Lingua - The Smell Of A Life That Could Have Been

#PER CHI AMA: Post Metal, Tool, A Perfect Circle
“La musica è un’energia, una vibrazione che costringe la mente ad una reazione emozionale di qualsiasi tipo, una fonte d’ispirazione, uno strumento terapeutico, una rivelazione di suoni che filtrano la realtà, la musica è una droga, una via di fuga...”. Ecco in poche righe il concetto di musica per questa straordinaria new sensation svedese, che uscita dal nulla, ha sfoderato una prova d’altissima classe e spessore, garantendosi un posto nella mia personale top 10 del 2006. Non starò qui a parlarvi della loro biografia, perchè poche sono le informazioni in mio possesso sulla band; ma partiamo subito con la musica. Il trittico di brani iniziali mi fa capire immediatamente che quello che ho fra le mani è un piccolo gioiello di musica post rock sulla scia di quanto fatto dai Tool: il riff di “May Crayons Guide the Sheep” è sì, preso in prestito dalla band statunitense, ma impreziosito poi dalla voce calda e ammaliante di Thomas, in grado di regalarci emozioni da brivido. Con la successiva “You Wonder Why...”, il vocalist scandinavo dà il meglio di sé gridando a pieni polmoni tutta la sua rabbia, grazie ad uno stupendo ritornello. “Out of Faces” è un brano più intimista, soffuso (con un’atmosfera in pieno stile Deftones) che parte piano, su un leggero riff di chitarra, per poi acquisire lentamente potenza ed esplodere nella quarta traccia, in cui la voce di Thomas si fa più corrosiva e incazzata che mai. Le restanti tracce viaggiano più o meno lungo gli stessi binari, con ottimi arrangiamenti, scariche elettriche, melodie accattivanti, momenti malinconici, il tutto accompagnato poi da un’eccellente perizia tecnica e come sempre dalla suadente voce del buon Thomas in grado di dare, quel qualcosa in più, per fare di “The Smell Of A Life That Could Have Been” un grande album di debutto. Forse la pecca principale della band sta nell’essere un po’ troppo debitrice nei confronti di band quali Tool o A Perfect Circle, e quindi di non avere ancora una personalità del tutto definita. Sinceramente però me ne frego, perchè questo lavoro ha saputo farmi rivalutare un genere che, esclusi i Tool stessi e pochi altri, aveva ben pochi protagonisti sulla scene e ben poco da dire. Per me “The Smell Of A Life That Could Have Been” rappresenta quindi un ottimo album e un ottimo acquisto da fare assolutamente in attesa della recensione dell'ultimo brillante cd per la nostrana Aural... (Francesco Scarci)

(Rebel Monster Records)
Voto: 85

Demonaz - March of the Norse

#PER CHI AMA: Bathory, Immortal
Rimasto nell’ombra per quasi quindici anni, Harald Nævdal, meglio conosciuto con il nome di Demonaz Doom Occulta, torna ad esprimere il suo talento attraverso la chitarra e ad alimentare una vena creativa ormai sopita da lungo tempo, perché relegata unicamente all’attività di paroliere in casa Immortal. Il musicista norvegese imbraccia nuovamente la sei corde e torna dunque a dar sfoggio delle sue abilità di songwriter, ma in una veste mutata rispetto al passato. Il territorio sul quale ama avventurarsi Demonaz è sempre circoscritto ai confini stilistici del metal estremo, ma l’era di “Battles in the North” e “Blizzard Beasts” è indubbiamente lontana e le sonorità aspre degli esordi con gli Immortal concedono il passo ad un’interpretazione musicale più libera, scevra dai rigidi schemi imposti dal black. “March of the Norse” ha radici ancor più profonde e attinge a piene mani da un metal di stampo classico, pregno di momenti epici che non tardano a rivelare una fortissima influenza Bathory, forse più nelle atmosfere che negli accordi. Degni di nota sono brani come “All Blackened Sky” e “Under the Great Fires”, caratterizzati da chitarre granitiche e incalzanti, che fungono da vigoroso sostegno ad un incedere vocale ruvido, talvolta magniloquente. Sono comunque “A Son of the Sword” e “Over the Mountains” le protagoniste indiscusse dell’album, due composizioni dal taglio fortemente “nordico” in cui l’avvincente melodia e i solo ben articolati di chitarra rimandano a paesaggi innevati di monumentale bellezza. Certamente la ripetitività di alcune soluzioni stilistiche potrebbe ascrivere “March of the Norse” alla categoria degli album derivativi, ma va riconosciuto che in quaranta minuti di musica non si avverte alcun attimo di cedimento e già questo è un pregio non indifferente. (Roberto Alba)

(Nuclear Blast)
Voto: 80

lunedì 18 aprile 2011

Nemost - The Shadow's Trail

#PER CHI AMA: Death Progressive, Amorphis, Insomnium, Opeth
Francia… ultimamente sinonimo di qualità e i qui presenti Nemost ne sono l’ennesima dimostrazione, dopo aver ascoltato da poco anche i loro connazionali Folge Dem Wind e recensito gli strabilianti Carcariass. Arpeggio da brividi iniziale e poi linee di chitarra di chiaro rimando Amorphis ad invitarmi a rilassarmi in poltrona e gustarmi questa nuova scoperta nella vicina terra d’oltralpe. L’inizio affidato a “Sardanapale” mi rilassa immediatamente: ritmi assolutamente mai forzati, melodia cristallina, vocals roche (mai completamente growl) e tanta semplicità in quei giri di chitarra che si incuneano immediatamente nella testa. Con la successiva “Skin for Skin”, il quintetto parigino perde un po’ di quell’immediatezza del brano iniziale, con un mid-tempo che ha comunque come forte richiamo un riffing di chiara matrice nordica, finlandese per l’esattezza. “Whisper” è un vero e proprio sussurro nell’oscurità, con i suoi sette minuti e passa di musica che aprono in modo onirico per lanciarsi ben presto, in una scorribanda brutale, ma è solo un fuoco di paglia non temete, perché la band si rimette sul binario giusto del death melodico, che trova anche nelle note degli Insomnium la propria fonte di ispirazione. Si, probabilmente l’album potrà apparirvi un po’ derivativo, ma non importa; l’interlocutoria “Unexpected”, una sorta di semi-ballad, ci mostra l’aspetto più intimistico dei nostri, anche se la parte centrale abbastanza infuocata, rallegra gli animi con quelle sue ritmiche veloci, prima di incupirsi in un finale decadente. “Fading Ember” è un altro attacco acustico che ci introduce a “Orcus”, song forse un po’ anonima ma che comunque si incastra bene nel contesto di questo “The Shadow’s Trail”, se non altro per il rockeggiante assolo conclusivo. “Ritual” è una song oscura, psichedelica e malinconica, forse quella che si discosta maggiormente dalle altre (e che ho preferito maggiormente), peccato solo che talvolta la voce di Thibaud non si dimostri propriamente all’altezza, forse per “l’indecisione“ di fondo se essere completamente growl o pulita. Comunque song davvero apprezzabile, prima della conclusiva “Through Life”, che chiude degnamente un album che farà la gioia di chi ama sonorità death doom progressive nord europee. Nemost, mi raccomando, teniamoli d’occhio… (Francesco Scarci)

(Self)
Voto: 70

domenica 17 aprile 2011

Symbol Of Obscurity - n.N.i.M.m

#PER CHI AMA: Melo Death
Appena me lo passo tra le mani, rimango colpito da due cose di questo disco: l’artwork e l’ostico titolo. Sul primo tornerò più sotto. Per il secondo, l’arcano è spiegato all’interno del CD: “n.N.i.M.m” sta per “new Name in Metal mithology”. Alla faccia della modestia! Sono riusciti nell’intento? Sono davvero un nuovo nome da riportare nella mitologia metal? Vediamo... I nostri sono 4 moscoviti (ah, l’est quanto è particolarmente attivo) e la loro fatica si colloca nel genere melodic death metal. Ne seguono gli stilemi classici, ma qualche assolo, forse più melodico di quanto atteso, se lo lasciano scappare. Dalle sei tracce, dai ritmi martellanti e serratissimi, i ragazzi evocano nella mia testa atmosfere oscure, asfissianti ma energetiche. Secondo me il punto di forza risiede nella compattezza delle singole canzoni. In ognuna di loro, tutto si fonde abbastanza bene: dagli assoli ora melodici, ora più cupi, all'instancabile batteria. Mi lascia un po’ perplesso la monotonia della voce del cantante, forse bloccata dal volersi attenere rigidamente al genere. Le songs non eccedono in lunghezza. È un bene, si fossero lasciati andare sarebbero risultati stucchevoli e avrebbero perso forza subito. Ad essere sincero, qualche rifinitura qua e là avrebbe reso il tutto più godibile. Come promesso torno sul design del package e sull’artwork, molto intriganti. La cover è particolarmente bella e anche le immagini interne sono evocative delle arie del platter. Bravi. Torniamo alla domanda iniziale: “Sono davvero un nuovo nome da riportare nella mitologia metal?”. Per ora no. Quest’album piacerà certamente ai fans più legati al genere, ma i nostri dovrebbero puntare a qualcosa di più personale sia nella parte musicale (in particolare non mi spiacerebbe se riuscissero a portare in primo piano le linee di basso) che nel cantato (davvero la voce è un po’ troppo ripetitiva). Atmosfera e tecnica ci sono, la presenza di un nota caratteristica e di qualche variazione non potrebbero che fare bene ai lavori futuri. (Alberto Merlotti)

(Ghost Sentry Records)
Voto: 65

Loudblast - Planet Pandemonium

#PER CHI AMA: Death/Thrash
I Loudblast... nome storico della scena death metal europea; addirittura al 1988 risale l’esordio della band transalpina guidata da Stephane Buriez, un concentrato di thrash esplosivo. Ben presto le coordinate stilistiche della band si spostarono verso un death metal di matrice americana: tecnico, ricco di mid-tempos, stacchi veloci e gustose melodie. Era, se non erro, il 1993 quando venne pubblicato “Sublime Dementia”, il miglior lavoro, a mio avviso della band. Poi tante nubi si addensarono sul combo francese, tanto da arrivare allo scioglimento. Come un fulmine a ciel sereno, ecco uscire nel 2004 “Planet Pandemonium”, qui recensito in una nuova versione, con un nuovo cover artwork e 2 brani remixati in più. Sicuramente i Loudblast appaiono molto cambiati rispetto al passato: la death metal band si mostra ora moderna e aggressiva, e la componente melodica che caratterizzava gli album precedenti, è quasi del tutto scomparsa. Peccato, peccato perchè il quartetto francese era abilissimo nel mischiare la rabbia del death a quelle gustose melodie tipiche europee. Non è che ci troviamo di fronte ad un brutto album, però direi che è alquanto anonimo, anche se suonato e prodotto bene. Il death/thrash dei Loudblast è ora influenzato dal sound delle nuove leve, Mastodon e Blood Red Throne: potente, arrogante ed esplosivo, però decisamente sottotono. La nota positiva è che la voce di Stephane (perennemente in growl), si conferma sempre tra le migliori nel panorama death. È proprio un peccato... (Francesco Scarci)

(Boycott Records)
Voto: 60

Deformachine - Promo 2009

#PER CHI AMA: Death/Thrash, Fear Factory Machine Head
Un’altra band emerge dall’underground italico dopo una militanza di ben 10 anni. È infatti ascrivibile al 2000 la data di nascita di questi deathster di Alessandria, che ci divertono qui con un promo cd di 4 pezzi di inossidabile death thrash metal. Ancora una volta però c’è da dire che, per quanto onesta possa essere la proposta del combo piemontese, che nel corso di questa decade ha condiviso il palco con Necrodeath, Sadist, Node e Dark Lunacy (tanto per citarne alcuni), poco per non dire quasi nulla, c’è di originale in quarto d’ora di musica. Musica che propone un bel thrash death tirato, con le classiche chitarre violente e corrosive lanciate a tutta velocità contro l’ignaro ascoltatore. A differenza del precedente lavoro, “Over G”, dove magari era più la violenza a farla da padrone, in questo caso, il suono si è più modernizzato, complice l’influsso di band quali Fear Factory o Machine Head, ma il risultato che salta fuori è qualcosa che puzza già di stantio perché sentito e risentito. Per carità, di sicuro c’è da divertirsi per una serata in compagnia, all’insegna del pogo violento e dell’alto tasso adrenalinico, ma poi niente più. La longevità di questo promo cd non può superare la settimana di vita, perché nulla è in grado di stamparsi nelle nostre menti, perché non c’è uno spunto vincente, un qualcosa di inedito o una qualsiasi cosa che possa catturare la nostra attenzione. La sufficienza è dovuta solo alla buona tecnica (all’ottima performance del vocalist) e alla voglia di spaccare da parte del quintetto, per il resto meglio passare oltre perché dopo dieci anni era lecito aspettarsi qual cosina in più. Forse un barlume di speranza può essere rappresentata da “To Present God”, la song più diversa delle 4 proposte, per quel suo maggior eclettismo sonoro, ma coraggio ragazzi, fuori le palle e iniziamo a sperimentare, altrimenti assisteremo alla morte del metal! (Francesco Scarci)

(Self)
Voto: 60

Hall of Hate - Into the Unreal World

#PER CHI AMA: Metalcore/Swedish Death, Unearth, Lamb of God
Suoni disturbanti, campionamenti vari e una voce quasi rubata dai Moonspell, aprono questo democd degli umbri Hall of Hate, band di giovane formazione, nata nel 2008 con l’intento di suonare metal con influenze swedish. Dell’intro abbiamo già parlato, segue “Unreal” e più che swedish metal mi viene da pensare a suoni più tipicamente “core” americani, con la voce di Aster che sembra strozzata nella sua espressione, mentre la musica, complice sicuramente una produzione non all’altezza, vive in un’alternanza di cambi di tempo senza mordente. Segue una schizofrenica “Beware of the Living”, song veloce nella sua parte iniziale, che presenta un mid-tempo un po’ sconclusionato nella parte centrale, con le vocals isteriche a infastidire non poco l’ascolto e la chiusura affidata alla classica cavalcata finale con tanto di banale assolo. Skippo in avanti perché Aster è alla lunga insopportabile nella sua performance vocale (anche se intuisco che voglia fare il verso a Tompa degli At the Gates, ma in questo caso ci troviamo su un altro pianeta) e un arpeggio apre “I’ve Lost”, brano più tranquillo e meditativo, melodico, una sorta di ballad acustica sostenuta da quell’arpeggio iniziale e dai suoni campionati; ah finalmente qualcosa di originale per le mie orecchie. Manco a dirlo e con le successive “Headshot” e “B.F.G.” si torna a suoni che fanno della banalità il proprio credo, nel tentativo remoto di imitare act quali Unearth o Walls of Jerico. C’è da lavorare e ancora molto, altrimenti il rischio di fare un clamoroso buco nell’acqua con le prossime uscite è davvero concreto. Si cerchi intanto di capire che genere voler suonare, swedish, black, metalcore o industrial e poi da li studiarsi la lezione impartita dai grandi e con un pizzico di personalità cercare di partire con calma, senza fretta… (Francesco Scarci)

(Self)
Voto: 50

Mesetiah - The Purpose of Our Existence

#PER CHI AMA: Death/Thrash, Six Feet Under, Slayer
La Finlandia non è solo sinonimo di genialità o musica folk metal, rappresenta anche un paradiso per il nascere di band puramente death metal e il cd che abbiamo fra le mani ne è la palese dimostrazione. Il combo proveniente da Kokkola, ha infatti come “scopo della propria esistenza” l’idea di attaccare gli ascoltatori con un suono ruvido e compatto, che difficilmente verrà ricordato dai posteri, ma che comunque avrà il pregio di permettervi di scaricare un po’ di adrenalina in eccesso, con quei suoi ritmi mai eccessivamente veloci, ma sempre carichi di rabbia. La caratteristica lampante di "The Purpose of Our Existence" è il quantitativo notevole di riffs carichi di groove che si addensano nei 38 minuti totali di questa release. Chitarre schiacciasassi innalzano solidi muri thrash death, con il vocione growl di Marko Rintala a vomitare nel microfono tutto il proprio nichilismo esistenziale. Ascoltando questi dieci pezzi, sembra di fare un bel salto nel passato, a fine anni ’80 primi ’90, quando questo genere, un po’ “grezzotto”, andava per la maggiore. Dico “grezzotto” perché se poi vado ad analizzare quello che è l’aspetto puramente tecnico, devo ammettere che gli assoli del buon Toni Olkkola, sono dei piccoli capolavori, che risollevano enormemente un lavoro che, altrimenti sarebbe passato totalmente inosservato (e inascoltato) dal sottoscritto. Si, Toni ci regala delle rasoiate che in taluni frangenti sembrano quelle del duo Hanneman/King degli Slayer mentre in altri momenti, più carichi di fantasia, il ricordo a Diamond Darrell dei Pantera, si fa spazio nella mia mente. La band è ancora un po’ acerba, ma lavorando un pochino sulla parte ritmica, sinceramente un po’ troppo statica e sull’anonima performance del vocalist, credo che spazio per il miglioramento ce ne sia in abbondanza. Nel frattempo, la band è comunque promosso con una larga sufficienza, ma si sa, in questi casi, l’alunno non si impegna altrimenti potrebbe dare molto ma molto di più… (Francesco Scarci)

(Studio 3rd track Productions)
Voto: 65

Frostfall - Dark Torments/Beyond the Dusk

#PER CHI AMA: Black Old School
Che senso ha per una nuova band proporci le proprie song del ’98-‘99? Capisco per una grande band che vuole deliziare i propri fan con materiale inedito, ma in questo caso, non capisco la mossa commerciale della Finale Earthbeat Production, che ci propone questa nuovissima band francese, con dei pezzi vecchi di 12 anni! Mah, mi state forse prendendo in giro, siamo su candid camera? No, e allora mi spiace per la release di questa oscura one man band translapina, perchè mi sa tanto che subirà l’ira del sottoscritto. Partendo da una registrazione stile scantinato, si prosegue con un sound vecchio e stantio (lo sarebbe stato verosimilmente anche nel ’98): la prima parte del cd, “Dark Torments”, primo demo della band è un concentrato di black metal lancinante, disperato, angosciante, che vive il suo momento migliore nell’acustica “An Oath to the Eternal Dusk”. Le solite chitarre zanzarose la fanno da padrona, con qualche accenno di tastiera in “The Gates of Souls Are Opened”, ma che noia, che barba, che noia (tanto per citare il duo Vianello Mondaini, sicuramente molto più interessanti e avvincenti di questo pietoso platter di musica che inneggia alla Fiamma Nera). La seconda parte del cd, “Beyond the Dusk” conferma l’inutilità di un tale release e la scelleratezza da parte dell’etichetta di rilasciare un prodotto del genere. Non ci si discosta di una virgola dale prime song, neppure per quanto concerne la registrazione, costantemente pessima e la musica poi, rimane quella scempiaggine di black metal (con fade out ignobili e cambi di volume pessimi) che a mio avviso, nemmeno i più fedeli sostenitori della fiamma nera, potranno ascoltare. Al diavolo!!! (Francesco Scarci)

(Final Earthbeat Prod)
Voto: 40

lunedì 11 aprile 2011

MG66 - In the House of Liv

#PER CHI AMA: Thrash Bay Area, Metallica
Il buon vecchio Franz mi allunga il disco e, tutto convinto, mi dice: “Sono un gruppo thrash, dovrebbero piacerti”. Noto la copertina molto glam rock (a proposito: ho letto critiche negative sull’immagine, a me non pare male...) e penso: “Ma non si sarà sbagliato? Mah...”. Annuisco e me ne vado perplesso. Inforco le cuffie e mi sparo “In the House of Liv”: il buon Franz aveva ragione! Veniamo alle presentazioni: gli MG66 sono un gruppo trentino il cui nome prende origine dalla MG42 (mitragliatrice tedesca della seconda guerra mondiale, ancora in uso in alcuni eserciti, tra cui - ah ricordi di naja - quello italiano) e dalla Route 66 (strafamosa highway americana). Line up: Dee Mitra (Chitarra), Robert Pixx (Voce), Cla Vanza (Batteria), Steve C.H. (Basso) e Davidian (Chitarra). Certo che per essere il primo LP, oltretutto autoprodotto, c’è da rimanere sbalorditi. I nostri han fatto le cose davvero egregiamente, con una produzione impeccabile per dieci tracce che riprendono il thrash più classico, quello Metallica e dei Pantera per capirci. “In the House of Liv” troverete tutti i canoni del genere, ben assemblati ed eseguiti in maniera fedele alla linea. Tuttavia qualcosa di diverso si può sentire in certi brani. Prendete “I Will, I Can” ad esempio, dove si possono scorgere degli innesti provenienti da altri generi davvero azzeccati. In altre canzoni non riescono così bene e non convincono molto, per esempio le parti industrial in “Shut Up”. Finché rimangono nel genere ci sguazzano e si sente, mentre appaiono, per ora, ancora un po’ incerti alle contaminazioni. Però è una strada che gli consiglierei di seguire, in quanto nel complesso funzionano. Ho molto apprezzato il lavoro dei chitarristi, che passano dai canonici riffoni granitici, a parti più lente e melodiche con una naturalezza invidiabile. Mi lascia un po’ dubbioso il cantato, troppo monocorde e troppo debitore a James Hetfield. Niente male il batterista che detta i tempi giusti e picchia con un’altrettanta giusta rabbia. Un solo appunto forse va fatto per quanto riguardo i testi che andrebbero maggiormente curati. Il cd vola via che è un piacere, nonostante le song non siano corte, lasciandomi addosso un certo desiderio di uscire a far bisboccia: niente male. Io, a questi MG66, mi sento già di volergli bene. Hanno il carattere giusto, la passione trasuda e poi l’attenzione a dei suoni puliti è quel tocco in più. Piacevoli! (Alberto Merlotti)

(Self)
Voto: 75

sabato 9 aprile 2011

Owl - Owl

#PER CHI AMA: Brutal Death
Christian Kolf deve essere una fucina di idee e soprattutto deve avere parecchio tempo a disposizione per potersi permettere di avere cosi tante band: Island, Valborg, Woburn House, Orbo, Slon, Centaurus-A, Kosmos Wald e ora questa ultima creatura, gli Owl. Ancora una volta aiutato dal fido Patrick Schroeder, batterista di turno in diverse delle sue imprese, il buon Christian partorisce questa volta un disco che si getta nel death metal più oscuro, claustrofobico, intransigente e ostico da ascoltare, forse anche a causa delle interminabili durate di alcuni brani. Si parte già con “Conquering the Kingdom of Rain” e i suoi 13 minuti di sonorità estreme giocate su mid-tempo tetri, angoscianti e alla fine striscianti come un pericolosissimo boa costrictor che sta per minacciare e quindi afferrare la sua preda. In tutto questo ossessivo incedere di chitarre in realtà mai troppo pesanti, sono forse i dissonanti suoni delle chitarre a contribuire all’incupimento delle atmosfere già di per sé oscure, per non parlare poi delle vocals gutturali, che rendono la proposta ancora più opprimente. Nulla è di facile ascolto qui, fatevene ben presto una ragione, altrimenti anche voi finirete per rimanere stritolati nella morsa letale del boa. Del ”gufo” questa release ha probabilmente solo quei suoni notturni che si ritrovano nel finale della opening track che lascia posto al suono cupo, brutale e martellante di “Lost in Vaults Underneath the Melting Mountain of the Saints”, una sorta di psicotica versione dei Nile, uniti alla delirante sagacia musicale dei visionari Deathspell Omega, mentre i cavernosi vocalizzi di Kolf continuano tormentare i nostri peggiori incubi. La proposta degli Owl si dimostra sempre più mortifera man mano che si avanza con l’ascolto e le mie povere orecchie sono messe a dura prova anche dalla terza lunga traccia che continua a rendere palpabile la sensazione di morte che si respira in questo fetido platter. Alla quarta “Spell of the Ignis Fatuus That Lead to the Impalpable Altar of Beasts”, caratterizzata dai iper veloci blast beat, penso quasi di averla fatta franca perché solo un brano mi separa dalla conclusione di questo pesante cd, ma ben presto realizzo che la conclusiva “Threnodical Ritual at the Spectral Shores of the Eternal Sunset” dura 30 minuti. Terrorizzato dinanzi questa scoperta, faccio un bel respiro e mi immergo nelle gelide acque putride che aprono il pezzo: triste scoprire invece, che in realtà questa mezz’ora sia costituita solo da sonorità ambient, quasi fosse uno di quei cd da libreria del tipo “il suono del mare”; sconcertante scoperta che destabilizza ancor di più l’ascolto di questo controverso lavoro. Purtroppo non mi sento di consigliare l’ascolto di questo omonimo album ad un pubblico assai vasto, ma solo a chi ama sonorità death metal estremo, salvo poi rimanere deluso per l’epilogo ambient. Non so, difficile giudicare un album cosi psicotico, ma d’altro canto, da un tipo controverso come Christian Kolf, che potevamo aspettarci? (Francesco Scarci)

(Zeitgeister)
Voto: 65

Theconflitto - Dusk Over the Nations

#PER CHI AMA: Hardcore, Converge, Neurosis
Dopo un demo cd e un Ep, ecco finalmente giungere sul mercato il full lenght degli spezzini Theconflitto, band hardcore dall’irruente impatto sonoro. Una delicata quanto mai fuorviante voce femminile introduce nei suoi due minuti iniziali, “Dusk Over the Nations”, dopo di che è la furia sonora a prendere il sopravvento con un attacco vetriolico, degno delle migliori realtà oltreoceano, con un sound che fa della rabbia suburbana il proprio credo. E cosi in successione, “Scribbling on Some Fear”, “Disinformatjia”, “Hero” e via dicendo, ci aggrediscono con suoni corrosivi, debitori verso le sonorità strazianti di act quali Converge o Refused, non disdegnando capatine in territori mathcore, di cui i The Dillinger Escape Plan sono leader indiscussi. Le song si presentano sempre assai brevi e dirette come possenti ganci rifilati uno dopo l’altro nei vostri pallidi grugni; “Beautiful Machine” forse rappresenta un episodio a sé stante con i suoi 5 minuti in cui il punk primordiale si fonde con sonorità “post” moderne e con escursioni in territori neurotici dei primi Neurosis grazie a quel suo finale ipnotico quasi apocalittico, sostenuto da un riff di chitarra ripetuto all’infinito. Sono già al tappeto stordito dai deliranti giri di chitarra del quartetto italico che con grande abilità confeziona brani mai troppo simili fra loro (cosa assai rara in questo genere), dotati di repentini cambi di tempo e rarefatte atmosfere soffocanti (non so perché ma mi viene in mente anche qualcosa dei Rostok Vampires). La proposta dei nostri trova un altro piccolo gioiello in “Small Room/Colourless Sand”, song che dimostra quanto i Theconflitto non solo siano estremamente abili con i propri strumenti (qui le ritmiche sono da brivido), ma anche quanto siano capaci di spaziare all’interno del proprio sound con intermezzi introspettivi (direi talvolta melodici) avvincenti e decisamente vincenti, che rendono la proposta del combo ligure estremamente intelligente e competitiva con quella dei mostri sacri americani. Le brutali vocals di Paolo poi, pur mantenendosi in linea con quelle del genere, si dimostrano spesso sofferenti e lancinanti o addirittura in linea quelle del rock più soft (immagino già le vostre facce sconcertate). Interessanti davvero, i Theconflitto piazzano li un quanto mai inatteso album che li farà apprezzare sicuramente tra le frange di patiti di questo trasgressivo genere, ma non solo. Certo non è uno di quei cd facilmente assimilabili al primo ascolto, ma questo è proprio il bello di questo genere: ascoltarlo, capirlo, scoprirne i segreti più reconditi, farlo scorrere nelle proprie vene per finire con apprezzarlo enormemente, come è accaduto al sottoscritto. Feroci, incazzati contro tutto e tutti, signori diamo il benvenuto ai Theconflitto! (Francesco Scarci)

(WormHoleDeath)
Voto: 75

mercoledì 6 aprile 2011

Nefarium - Ad Discipulum


Seguo i Nefarium fin dal loro primo demotape che conservo ancora sui miei scaffali di nastri e ho avuto modo di assistere in questi 13 anni, all’evoluzione sonora della band valdostana, fino a vederla come alfiere, oggi nel 2010, del black metal made in Italy. Eh si perché i nostri di strada ne hanno fatta parecchia e “Ad Discipulum” testimonia la qualità raggiunta dall’act italico, che ora come ora non ha più nulla da invidiare alle produzioni scandinave. Forti dell’ingresso nel malvagio combo, del drummer Garghuff (macchina da guerra e già session per Gorgoroth e membro degli Enthroned), i Nefarium sprigionano una furia distruttiva di chiara derivazione swedish black, che non dà modo di annoiare l’ascoltatore, nonostante la quasi totale assenza di cenno melodico. Le otto tracce di Carnifex e soci sono veramente dei classici esempi di songs trita ossa che come su una sottilissima lama, rischiano talvolta di sfociare addirittura in territori più confacenti al brutal death più intransigente, ma non preoccupatevi perché ci pensa lo screaming del vocalist a ristabilire l’ordine della natura. Odio, rabbia, violenza pura e qualsiasi altro sentimento negativo, viene esternato nella mezz’ora e più di questo “Ad Discipulum”, album che riesce finalmente a prendere le distanze dai blacksters svedesi per eccellenza Dark Funeral, coniugando il sound tipico del quartetto, con qualcosa che ho potuto ascoltare solo nei lavori degli Aborym. Se cercate momenti di melodia o atmosfera, lasciate perdere questo cd, sebbene in alcuni momenti si riesca addirittura a respirare la magia che solo alcuni riffs dei grandi Dissection (“Servus Servorum Satanae”) furono in grado di donare o addirittura nella medesima traccia faccia la comparsa il sound distorto di un sinistro violino. I Nefarium del 2010 sono quanto di meglio l’Italia abbia da offrire in ambito black death, in attesa che qualcosa torni a muoversi in casa Aborym. Complimenti quindi alla band italiana, aiutata in questo terzo episodio da Archaon dei 1349 e da Wild P. dei Morturay Drape. Una sola domanda però mi sorge spontanea: non è che il prossimo album riservi sorprese ancora più “scomode” e una virata ancor maggiore verso lidi death metal? “Ai posteri l’ardua sentenza”, intanto io mi godo l’ascolto di questo malefico “Ad Discipulum”. (Francesco Scarci)

(Agonia Records)
Voto: 75

Morrigu - The Niobium Sky


Finalmente qualcosa di raffinato popola il mio lettore cd, dopo settimane all’insegna del death più grezzo. La band in questione, dal nome assai brutto devo ammettere, proviene dalla Svizzera e dopo un paio di album all’insegna del death doom sulla scia dei My Dying Bride, arriva forse al tanto sospirato salto di qualità con “The Niobium Sky”, album che coniuga sapientemente un dark gothic con certe linee di chitarra dalle forti tinte progressive. Forti della partecipazione di alcuni membri dei conterranei Eluveitie, i Morrigu stupiscono per il loro sound fresco e altamente melodico che in taluni frangenti si lascia andare invece a sgaloppate che riportano un po’ alle radici death doom della band come ad esempio nella title track, vera chicca dell’album, per quel suo incedere maestoso che si dipana tra il prog, per quei suoi continui assoli e alcune reminescenze death, per l’uso del growling alla voce, comunque fantastica song che toglie il fiato. Si prosegue con “At the Gathering of Stars” che non fa altro che confermare la classe cristallina della band e la disinvoltura anche in pezzi completamente strumentali. “The Great Finding” è un altro interessante pezzo dove torna a far capolino il cantato growl che ben si alterna con i vocalizzi pulitissimi di Sevi, mentre la musica continua a godere dell’eccelsa tecnica dei nostri. “The Heritage of Mankind” ci mostra invece il quintetto alpino sotto un’altra veste, molto più aggressiva, fatta di ritmiche pesanti, arricchite da ottime tastiere e dalla sempre eccellente performance del vocalist e da pregevoli assoli dal profilo melodico. Insomma un album che si rivela un’autentica sorpresa, lasciandosi ascoltare piacevolmente dall’inizio alla fine, in tutte le sue 13 tracce e che si può rivelare un interessante acquisto per questo tiepido inizio d’autunno. Emozionanti! (Francesco Scarci)

(Dark Balance)
Voto: 75

Green Arrows - The Earth


Non so se ci sia una forma di accanimento nei miei confronti, ma ultimamente nelle mie mani non trovo altro che dischi penosi da recensire. Mettendo nel mio lettore questo platter dei bolzanini Green Arrows, ho rivissuto nuovamente questa sensazione. Ma che diavolo di musica è questa? Come si può produrre un disco del genere alle soglie del 2010, quando una miriade di band validissime se ne stanno in giro senza uno straccio di contratto? “The Earth” è un disco suonato male e registrato anche peggio, che ruota musicalmente attorno all’hardcore (stile Biohazard o Stuck Mojo) ma che anche si ripropone di rivisitare il thrash death dei Sepultura. Alla fine ci troviamo di fronte 10 tracce che per quanto brevi siano, scorrono via stancamente senza farmi sussultare per un attimo dalla sedia: chitarre sporche e banali creano le fondamenta di questo “The Earth”, release i cui testi ruotano attorno a temi scottanti della società (unico vero punto interessante del cd). I primi 5 pezzi sono uno peggio dell’altro, poi accade una sorta di miracolo con “Kazakhstan”, song che ricorda da vicino i Soulfly e per un attimo mi fa risvegliare dal mio torpore autunnale. Ma con la successiva “Before My Last Breath”, si torna a scadere nell’anonimato e a spingermi a cassare senza alcuna remora questo cd. Mi spiace, perché quando si tratta di band italiane, cerco sempre di trattarle con un occhio di riguardo, ma quando la qualità della musica non è del tutto soddisfacente, nulla posso fare per salvare l’insalvabile. Alla prossima… (Francesco Scarci)

(Vacation House Records)
Voto: 50

martedì 5 aprile 2011

Eptagon - Discrimen


Una strana intro apre il cd degli italiani Eptagon, un lavoro di 5 pezzi più intro e outro, dedito ad un certo occult black metal che mi ha ricordato da vicino gli esordi degli Handful of Hate e dei mitici Necromass. Chitarre zanzarose, in pieno stile nordico, costruiscono le ritmiche furiose del sound dei nostri, con una batteria impazzita che ne appesantisce l’incedere e delle vocals demoniache a completare il quadro di questo discreto “Discrimen”, release che nulla ha da chiedere e ben poco ha da dire, in quanto ancora forma embrionale di una band che potrebbe esplodere in un futuro o sparire completamente nell’anonimato. L’act piemontese non si limita certo a ripetere pedissequamente la lezione dei grandi maestri del nord Europa, ma prova ad includere delle variazioni al tema, come qualche mid-tempo o oscuri angoli di terrore come l’arpeggio inserito nella parte centrale di “Ares Ares”, che smorza per qualche secondo gli attimi concitati del disco. Diciamo che il lavoro è ancora abbastanza grezzo, complice anche una registrazione alquanto amatoriale, comunque di spunti interessanti per il futuro se ne intravedono. Lasciamoli lavorare e maturare e poi vediamo che cosa salterà fuori… (Francesco Scarci)

(Evil Cemetary Records)
Voto: 60

Hypnosis - The Synthetic Light of Hope


Anche se per i più gli Hypnosis sono una band totalmente sconosciuta, io li seguo invece fin dal loro debutto e devo dire di averli visti crescere stilisticamente e passare dalle sonorità death degli esordi al death gothic del loro periodo centrale, fino a giungere a quest’ultimo album, dopo aver attraversato una fase pesantemente influenzata dai Fear Factory, la cui ascendenza cibernetica si fa comunque sentire anche in questa nuova release. "The Synthetic Light of Hope", quinto lavoro per l’act transalpino, conferma già quanto di buono la band stava facendo negli ultimi tempi, e lo fa percorrendo comunque una strada non cosi facile da percorrere. Mantenendo come base il death degli esordi, il terzetto d’oltralpe costruisce il proprio sound su riff brutali, arricchendo poi il tutto con elementi cyber-industriali, arzigogolate trame chitarristiche, eteree vocals femminili ad opera di Sin_d (alias Cindy). Il risultato finale mi ha ricordato da vicino la musica imprevedibile degli svedesi The Project Hate, anche se qui magari il suono è un po’ più classicamente death metal rispetto ai colleghi scandinavi. Di carne al fuoco c’è n’è davvero tanta nelle 9 tracce ivi contenute, e ad un primo ascolto molto probabilmente, l’album potrà risultarvi assai ostico da digerire. Vi garantisco tuttavia, che dopo molteplici passaggi nel vostro stereo, inizierete ad apprezzare le graffianti ritmiche del trio francese, affrescate dall’oscurità e dalla vena malinconica di alcuni passaggi, e con l’influenza pesante di alcuni generi estranei al metal, in taluni frangenti, ad arricchire il tutto (elettronica e musica etnica). Tecnicamente, la band non ha nulla da invidiare a nessuno, anche se il suono è forse un po’ penalizzato dalla artificiosità della drum machine, ma a quanto pare un nuovo devastante batterista si è inserito finalmente nel gruppo. Se avete pazienza di ascoltare con perizia e attenzione questo lavoro potrete scoprire le interessanti sfumature che il death ha ancora da offrire. Se siete alla ricerca invece di suoni orecchiabili, qui ne troverete ben pochi. Brutali, ipnotici e psicotici, fate spazio agli Hypnosis!! (Francesco Scarci)

(Dark Balance)
Voto: 75

lunedì 4 aprile 2011

Chronic Hate - Chronic Hate


Quasi se ne sentisse la mancanza, ecco l’ennesima band di brutal death che nulla ha da aggiungere a questo mercato sempre più saturo. I Chronic Hate vengono da Bibione e con questo mcd autoprodotto, ci propongono 5 pezzi di banalissimo e monocorde brutal death di scuola americana, decisamente mal suonato e privo di qualsiasi spunto rilevante. Nonostante le radici del combo friulano fossero piantate nel black stile Cradle of Filth e Darkthrone, la band ha deciso di virare il proprio sound verso i lidi death di primi anni ’90, che hanno fatto la fortuna di band blasonate come Cannibal Corpse, Malevolent Creation, Deicide e Morbid Angel, bands underground che popolavano la scena più “florida” del mondo. Oggi, risentire quei suoni, mi fa un certo effetto perché ormai puzzano di vecchio e stantio. Cosi quando le mie orecchie si lasciano maciullare dai riff ultraveloci e taglienti dei Chronic Hate, dall’abuso dei blast beat e dalle vocals cavernose, anche se i nostri possono palesare tutta la tecnica di questo mondo (bravo Marco Calligher dietro le pelli), preferisco ascoltare i capolavori classici che hanno fatto la storia del brutal. Un unico plauso va a “Systematic Punishment”, l’unica traccia che cerca di evadere con il suo incedere oscuro, dagli schemi di questo mcd. (Francesco Scarci)

(Self)
Voto: 50

Necromid - The Sleep of Reason


“Il sonno della ragione genera mostri”, questa è la celebra frase di Goya alla quale probabilmente gli esordienti Necromid si rifanno nel titolo del loro debut. Per quanto riguarda la musica, sicuramente i nostri devono essere grandi estimatori della scena death svedese, peccato che Imperia non sia Stoccolma e che gli Ithil World Studio non siano quelli dei ben più famosi colleghi scandinavi. Ciò che ne viene fuori è un genuino album di swedish death che si rifà a mostri sacri quali Arch Enemy, At the Gates e Dark Tranquillity, tanto per citare i più noti. Però mentre il sound delle band svedesi è molto ben strutturato e ragionato, la pecca dei Necromid sta nel lanciarsi in arrembanti cavalcate dalle melodiche e scandinave linee di chitarra, interrotte da qualche mid-tempos qua e là. Se il primo pezzo mostra un gruppo dalle grandi potenzialità, già il successivo mostra qualche limite della band, che sciorina brani si veloci, aggressivi, ma che bene o male si assomigliano un po’ tutti tra loro. La voce di Antonio dovrebbe dare una mano in tal senso, cercando di conferire maggiore personalità ai pezzi, mentre i brani dovrebbero giocare un po’ meno sul continuo ed eccessivo rincorrersi delle chitarre, perché il risultato può risultare sì piacevole in qualche pezzo, ma quando la cosa risulta reiterata, scade nel già sentito e incomincia ad annoiare pesantemente. Non mi dilungo ulteriormente nella descrizione delle canzoni proprio perché sono tutti molto simili tra loro (tranne la cover di Elvis Presley “Can’t Help Falling In Love” posta in chiusura al cd) e per questo auspico che la band possa lavorare per scrollarsi di dosso quell’alone pesante svedese che pesa sulle loro teste. Insomma, lasciamo fare lo swedish death agli svedesi e noi italiani dedichiamoci all’”italian” death in cui siamo altrettanto bravi. Sufficienza risicatissima, da rivedere (Francesco Scarci)

(UK Division)
Voto: 60

venerdì 1 aprile 2011

Neron Kaisar - Magnum Incendium


Loro arrivano dalla fredda Federazione Russa, sono al debutto con questo lavoro di nome “Magnum Incendium”. Sono i Neron Kaisar e di certo di freddo hanno solo il luogo di provenienza. Il loro Symphonic Black Metal è caldo, violento, brutale e cosa che non guasta mai, una ottima miscela tra parti classiche, chitarre e un incedere imperioso della batteria, un'amalgama perfetta e ben riuscita. Il cd è composto da 11 tracce (ah, fate attenzione perché la traccia n° 8 “Chaotic Profane Phenomena” è una cover dei Thyrane). La track list è ascoltabile e ben organizzata, anche perché, a gran sorpresa, i Neron si discostano dal genere per quanto riguarda la durata dei pezzi. L’unica che va al di sopra dei 4-5 min è la traccia 10, “Bloody Black Terror”. Il cd proprio per questa peculiarità, scorre via veloce e non annoia mai anche perché le canzoni sono ben strutturate con gli strumenti che si intrecciano in un tribale e incalzante ritmo furente con un growling mai troppo esasperato. Annotatevi sul taccuino la track 5, “Burn And Dominate”, dove un bellissimo assolo di chitarra squarcia l'orizzonte tenebroso (i “tecnici” lo apprezzeranno); “Malice, Hate And Sorrow” e “Bloody Black Terror”, ne consiglio l’ascolto, non sono canzoni ma un’esperienza, specie nella prima dove compare una bellissima parte di pianoforte. Il cd si chiude con “Incendio Absumptae (Outro)”, un pezzo del tutto strumentale molto cupo, che accompagna la fine del nostro ascolto fuori dal mondo dei Neron. I Neron Kaisar, per essere alla loro prima esperienza con un full lenght, mi hanno piacevolmente colpito e mi farebbe molto piacere se in futuro ne sentissi ancora parlare, di certo non ci stupirei, anzi concludo dicendo avanti così, la strada è quella giusta, con una buona dose di atmosfera, buoni musicisti e buone idee che senza dubbio non guastano mai, anzi... (PanDaemonAeon)

(Grailight Productions)
Voto:70

Saille - Irreversible Decay


Nel mio giro del mondo di recensioni, credo di non essermi mai imbattuto in una band belga, ma d’altro canto c’è sempre una prima volta per tutto e quest’oggi a togliermi la verginità in tal senso, ci hanno pensato i belgi Saille, freschi di un nuovo contratto con la nostrana e sempre attenta Code 666, con il loro debutto. Se siete degli amanti dell’ormai defunto black sinfonico, forse nei solchi di “Irreversible Decay”, troverete ciò che di meglio ha da offrire in tal senso oggi il mercato. Intro affidata ad una sinistra chitarra acustica e poi attacco arrembante offerto da “Passages of the Nemesis”, song dal tipico sapore nordico, con chitarre taglienti di scuola svedese, blast beat e uno screaming diabolico; bridge centrale affidato ad un mid-tempo melodico con tanto di sorprendenti violini, e un pathos crescente culminante con un solo di chitarra da paura che toglie il fiato. La sensazione è come se mi avessero sbattuto contro un muro violentemente e tagliuzzato la pelle con uno di quei rasoi da barba old style, e lasciato a terra con i vestiti fatti a brandelli, ansimante. Un inizio alla Limbonic Art apre la successiva “Overdose of Gray” che fa delle sue inquietanti tastiere, dei giri ipnotici di chitarra e della tellurica porzione di batteria il proprio punto di forza. Offende la nostra armata delle tenebre (la band è formata da ben 10 membri, tra cui violoncello, corno e appunto 2 violini) ma lo fa con assoluta grazia: Una elegante chitarra acustica apre “Plaigh Allais” e lo spettro degli Unanimated aleggia sul sound dei nostri quando c’è da pestare sull’acceleratore con ritmiche al fulmicotone; sorprende non poco invece nelle sue bizzarre parti centrali, dove ad ogni brano, i nostri si adoperano con qualche soluzione assai particolare, quasi a voler confondere l’ascoltatore. Non potete immaginare la mia gioia e il piacere nel potere affondarmi in questi suoni suggestivi, epici, sinfonici, quasi come se un ibrido formato da Immortal, Dimmu Borgir e la succitata band svedese si siano personificati nella figura contorta di questi belgi Saille, vera e propria sorpresa di questo inizio d’anno caratterizzato dai fuochi artificiali in casa Code666. Che altro dire, se non immergervi nell’ascolto di una delle più interessanti band in ambito estremo sentite nell’ultimo periodo. Estremamente affascinanti! (Francesco Scarci)

(Code 666)
Voto: 80

Lifend - Devihate


In attesa di andare ad ascoltare il nuovo lavoro dei lombardi Lifend, andiamo a rivedere quanto fatto in passato: cambio di rotta importante rispetto al precedente lavoro “Innerscars”, “Devihate” è un cd pretenzioso, che non vuole assolutamente passare inosservato al grande pubblico. Il cd inizia in modo strepitoso con “Purify Me”, lasciando presagire quello che la musica di questa band, estremamente preparata, ha da offrire: un death metal dal forte impatto emotivo. Sebbene la proposta sia più violenta che in passato, il sound dei nostri si fa più curato nei dettagli, ben suonato e ricco di sfumature che vanno ben oltre il death metal. Diciamo che di sicuro la matrice di fondo resta il death, con le sue ritmiche aggressive, il corrosivo screaming di Alberto (per la cronaca è sparita la soave voce femminile di Sara) e i forti richiami allo swedish. Ciò che rende realmente interessante questa nuova release, sono appunto tutte quelle sfumature che ruotano intorno al sound di base del quartetto meneghino. Eh si, perché suoni progressive si intersecano a sfuriate deathcore, inserti gotici si incastrano perfettamente a raffinate cavalcate heavy metal e malinconici intermezzi acustici ci concedono giusto il tempo di rifiatare qua e là. Se dovessi trovare un termine di paragone per i nostri, vi porterei indietro nel tempo di una quindicina di anni, quando gli svedesi Miscreant rilasciarono il sorprendente “Dreaming Ice”, concentrato di raffinato swedish death dalle forti tinte progressive. E cosi sono i Lifend: chitarre ultra compresse che vengono spezzate nel loro incedere furioso da aperture acustiche e sprazzi di splendidi synth. Dicevo che quella dei Lifend è musica emozionante che nonostante la rabbia, arriva dritta al cuore per la sua compatta genuinità. E soprattutto non è mai musica banale: i suoni, le melodie che escono dai solchi di questa seconda opera sono assai ricercati, a tratti ricordano gli Opeth più aggressivi degli esordi, in certi frangenti si respira l’aggressività degli ultimi Dark Tranquillity e in altri momenti è una pesantezza un senso di angoscia ad emergere, stati emotivi che solo i Meshuggah sono in grado di trasmettere. Forti inoltre di una splendida produzione, curata da Carlo Bellotti, i Lifend sorprendono non poco per la maturità compositiva che hanno saputo raggiungere in cosi poco tempo, sembrando dei veri e propri veterani della scena. Un solo avvertimento va dato però prima di avvicinarsi a questo disco: non pensate che sia semplice dargli un ascolto e farselo piacere immediatamente; ho dovuto ricorrere al sesto replay prima di capire che quello che ho fra le mani è una bomba dalle potenzialità enormi. Bravissimi!!! (Francesco Scarci)

(Worm Hole Death)
Voto: 80

Onsetcold - Onsetcold


Beh, dopo aver ascoltato almeno un paio di volte questo cd, non mi è ancora chiaro se i nostri suonano black, death, metalcore o cos’altro. È infatti per questo che ho definito il loro sound extreme metal perché è difficile riuscire ad inserire la musica del combo albionico in un genere ben definito. Il cd si apre infatti con “Life Without Numbers”, una death metal song che sembra essere suonata nella vena sinfonica dei Dimmu Borgir. Si prosegue e si viene martellati e sorpresi dal death/grind di “No Sun No Life”, brano veramente interessante per quel suo incedere angosciante (merito delle tastiere eccellenti di Farley) ma allo stesso tempo iper brutale. E via, il quintetto inglese continua in una carambola di alternarsi di parti aggressive, ultra tecniche (bellissime alcune parti di basso e mostruosa la prova del batterista), talvolta (ma raramente) melodiche, grazie all’inserto di quelle keys già citate, in grado di donare un alone atmosferico e depressivo all’intero lavoro. Grandi, mi piacciono un casino: le demoniache screaming vocals che governano “Masterdom”, si avvicendano a profonde growling vocals, mentre le chitarre continuano imperterrite a macinare montagne di riffs veloci, complicati e le tastiere disegnano plumbei nuvoloni carichi di pioggia. L’album non regala un attimo di sosta, è una cavalcata imperturbabile di inaudita pura violenza che distrugge tutto ciò che si staglia davanti. Notevoli, anche se continuo a non capire se i nostri suonano grind o industrial, hardcore o doom, quel che è certo è che sono dannatamente bravi e incazzati. Quel che sorprende ancora di più è il fatto che siano venuti a registrare agli Zeta Factory di Bologna e allo studio 73 di Ravenna. Bravi, lo ribadisco ancora una volta, gli Onsetcold mi hanno stupito perché giunti inattesi alle mie orecchie… Sorprendenti! (Francesco Scarci)

(Worm Hole Death)
Voto: 85